Salta al contenuto principale

Capodanno Rai, dalla reunion Al Bano-Romina al live delle Officine popolari di Tricarico

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Un concerto delle Officine Popolari Lucane di Pietro Cirillo
Tempo di lettura: 
3 minuti 16 secondi

POTENZA – Un cast d’eccezione per una serata unica, quella del Capodanno Rai di Maratea: dopo il grande successo della reunion avvenuta e trasmessa da Raiuno due anni fa dall’Arena di Verona, Al Bano e Romina Power tornano eccezionalmente a cantare insieme in un’altra nottata magica solo ed unicamente per Rai1. Oltre alla straordinaria partecipazione di Al Bano e Romina Power, L’Anno che Verrà si arricchisce di un’altra esclusiva perla: reduce dai tantissimi successi internazionali Soy Luna, la nuova Star della Disney. Con lei Patty Pravo, Raf, Tiromancino, Amii Stewart, Corona, Matthew Lee e tanti altri ancora (sempre per la gioia di bambini e teen-ager, direttamente da RaiGulp si esibiranno le due giovani star Maggie e Bianca).

Anche in questa edizione “l’Anno che Verrà”, sarà seguito in diretta radiofonica da Rai Radio1 con uno speciale condotto sul posto da Carlotta Tedeschi e John Vignola che realizzeranno incursioni e interviste dal backstage nel corso della diretta di Maratea. Sul palco anche alcuni dei protagonisti dell’ultima edizione di “Tale e Quale Show” (il vincitore Marco Carta, Alessia Macari, Filippo Bisciglia, Valeria Altobelli) e alcune giovani promesse della musica italiana provenienti dai “talent” di maggior successo televisivo degli ultimi anni.

Infine, è ufficiale, il gruppo musicale “Le Officine popolari Lucane di Pietro Cirillo” di Tricarico rappresenterà la Basilicata al Capodanno Rai che quest'anno andrà in onda da Maratea. Unico gruppo lucano che certificherà, con il suo stile inconfondibile, la “lucanità” in tutta la sua bellezza paesaggistica, passando dall’enogastronomia, dalla sua storia, fino ad arrivare ovviamente, attraverso la sua arte, al cuore di milioni di italiani.

Una scelta non casuale quella della produzione Rai pensata già da diversi mesi fa quando, ascoltando alcuni brani del gruppo tricaricese, ha trovato nei suoi ritmi e nelle parole degli inediti la magia accattivante che trascina e ti coinvolge. Sarà stato il tuonare del ritmo dei tamburi di Tricarico, sarà stata la voce del cantante, saranno state i testi delle canzoni, resta il fatto che le Officine Popolari gruppo aveva avuto comunicazione già dallo scorso mese della scelta fatta dalla Rai. Un po’ per scaramanzia, un po’ per dovere professionale, Pietro Cirillo ha tenuto massimo riserbo fino all’ufficialità del contratto che si è regolarizzato nei giorni scorsi: «Un palco importante come quello della Rai – ha commentato  Cirillo raggiunto telefonicamente – farebbe piacere a qualsiasi artista. Non nascondo, ma parlo anche a nome dell’intero gruppo, che siamo emozionati ma allo stesso tempo onorati di rappresentare la Basilicata. Per noi delle Officine Popolari l’esibizione non sarà solo una performance artistica, ma l’occasione per trasmettere a milioni di telespettatori il nostro messaggio ricco di contenuti. Non posso svelare quali brani suoneremo ma i nostri sostenitori conoscono benissimo il nostro repertorio e sanno che narrano la Lucania a tutto tondo nelle sue gioie e nei suoi dolori, pertanto qualunque sarà il brano o i brani sono certo che non mancherà l’affetto e il sostegno del pubblico. Cercherò di dare il massimo per onorare questo risultato che non è solo mio ma del gruppo dei musicisti delle ballerine, ma anche di tutta la terra di Basilicata, lei è la mia ispiratrice e grazie a lei che posso esprimere la mia arte».

Chiude dunque col segno più l’anno 2017 per le Officine Popolari perché oltre al capodanno Rai ha messo a segno altri due impegni, il primo la firma di un contratto di esclusiva con I-Company una delle più importanti agenzie di booking ed eventi nazionali con sede a Roma, e il secondo che nel gruppo è entrato a far parte il maestro Francesco Marcello Sette percussioni etniche. Saliranno sul palco di Maratea oltre allo stesso Cirillo (voce e chitarra), Luciano Zasa (percussioni), Domenico Tedesco (percussioni), Antonio Rosa (tastiere-organetto), Carlo Ostuni (chitarre), Antonio Dagrosa (basso) Francesco Marcello Sette (percussioni etniche).

Per l’occasione una nuova coreografia è stata studiata da Carla Baldini che danzerà con l’altra ballerina del gruppo Alda Giuliano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?