Salta al contenuto principale

Vietata la trasferta ai tifosi del Matera
Interviene il presidente Macalli

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 34 secondi

E' arrivata la decisione che tutti temevano, Savoia-Matera sarà vietata ai sostenitori biancazzurri.

Ma, la cosa più assurda è che questa decisione, abbondantemente tardiva, arriva anche per i tifosi di casa. Infatti la gara sarà accessibile solamente ai sostenitori di Torre Annunziata in possesso di abbonamenti.

La scelta della Prefettura di Napoli, su segnalazione della Questura del capoluogo campano, dopo la determinazione numero 14 dell'Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive, che aveva inserito la gara tra quelle a rischio.

Ciò che imbarazza di più, tanto i tifosi di casa quanto quelli biancazzurri è che, vista l'attesa lunga, era già partita la prevendita dei tagliandi che, stando a notizie provenienti da Torre Annunziata, erano già stati acquistati anche da alcuni materani sul circuito Go2.

Come all'andata, dunque, nessun tifoso ospite al Giraud, dopo tanta attesa e l'assurda decisione del Comutato Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive.

AGGIORNAMENTI - Intanto si apprende dalle colonne di solosavoia.it dell'intervento diretto delle Lega, tramite le parole del presidente Macalli. «In lega hanno appreso la notizia dal vostro sito e subito mi hanno contattato. Ho chiamato l’Osservatorio per chiedere delucidazioni. Purtroppo mi hanno confermato il passaggio della competenza al Casms ed in questi caso le decisioni sono sottratte alla competenza del comitato congiunto con la Lega. Credo fosse qualcosa di già deciso».

Come interverrete? «Abbiamo aperto una unità di crisi a Firenze. Siamo in contatto con la società e con il sindaco che ha già chiamato in Prefettura. Ci stiamo attivando anche noi con il Vice Prefetto Vicario, dott. Francesco Esposito, per capire le motivazioni che hanno portato a ciò e per premere insieme al sindaco per consentire l’accesso almeno al pubblico di casa. Al momento si sta occupando personalmente della vicenda il direttore generale della Lega Renato Cipollini».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?