Salta al contenuto principale

Da Owens a Pelè, contro il razzismo l'esempio di due campioni spiegato ai ragazzi

Basilicata
Chiudi

Pelè

Apri
Didascalia Foto: 
Pelè
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

BELLA (PZ) – La rassegna cinematografica in programma in questi giorni a Bella nella Settimana d'azione contro il razzismo ha aperto una finestra sul cinema di testimonianza, dedicando una giornata intera a due pellicole biografiche che raccontano le gesta di due atleti sportivi, tratteggiandone i profili umani ed evidenziandone valori e rispettivi talenti. 

I protagonisti sono due icone dello sport, Jesse Owens e Pelè che hanno lasciato il segno in epoche e contesti diversi. Gli studenti di Bella, Muro Lucano e Baragiano, ospiti al Cineteatro Periz, hanno dapprima visionato e poi discusso con Veronica Turiello, autrice e coordinatrice del progetto “Dalle storie alla storia per Con/Vivere insieme”, del film “Race – il colore della vittoria”, diretto da Stephen Hopkins, uscito nelle sale lo scorso anno. Una storia incentrata su Jesse Owens, l'atleta vincitore di quattro medaglie d'oro alle Olimpiadi di Berlino, che in pieno regime nazista sbaragliò la concorrenza tra pregiudizi e odio razziale. 

L'opera biografica sull'immortale O Rei invece, proiettata in serata, è stata firmata dai fratelli Jeff e Mike Zimbalist. Un ritratto autentico del campione che conquistò la vetta del mondo nel 1958, ma anche un atto d'amore verso il Paese brasiliano e la sua cultura, con qualche leggera sfumatura di razzismo. 

All'interno della Bibliomediateca dell'Istituto Comprensivo di Bella nelle ore pomeridiane proseguono le attività formative rivolte ai ragazzi della scuola primaria, che scoprono e producono storie di convivenza e integrazione. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?