Salta al contenuto principale

StraMarconia, 1000 runner a Pisticci nel ricordo di Emanuele Angelone

Basilicata
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

PISTICCI (MT) – Si è svolta a Marconia di Pisticci lo scorso 13 agosto la StraMarconia. “E’ una manifestazione sorprendente: la partecipazione della gente è vera, sentita ed emozionante. Per me è stata un'esperienza unica, ho scoperto una comunità bellissima”, così Leonardo Cenci, testimonial d'eccezione della gara podistica della frazione pisticcese, ha raccontato la sua partecipazione all'evento sportivo lucano, che da 10 anni tiene vivo il ricordo di Emanuele Angelone, appassionato runner scomparso prematuramente a causa di un tumore. 

«Insieme a lui – dichiarano gli organizzatori dell’iniziativa - circa 1000 runner provenienti da tutta Italia, tra cui molti bambini e anche persone con disabilità motorie. A tutti loro è stato affidato il messaggio di solidarietà, impegno civile e sostenibilità ambientale che ogni anno l'associazione Arci Emanuele 11e72 vuole lanciare attraverso l'iniziativa, diventata un atteso appuntamento dell'estate ionica lucana». 

La sfida sportiva si è svolta su diversi livelli fra juniores, adulti non professionisti e atleti iscritti alla gara competitiva, organizzata in collaborazione con Asd Lucani Free Runners di Policoro e inserita nel circuito Fidal. 

Il primo classificato fra i professionisti è stato il pugliese Trifone Busto, che ha fatto onore alla AS DOF Amatori Turi, segnando un tempo di 36,57 minuti. Lo ha affiancato, nella categoria femminile di pari grado, la lucana Grazia Anastasia della Asd Podistica Grottaglie, con un tempo di percorrenza di 45,28 minuti. 

Per la sezione non competitiva, sono saliti sul primo gradino del podio Stefano Rinaldi e Maria Grazia Blasi (10,5 km), Gabriel Lufrano e Francesca Ambrosino (7 km), Vito Gabriele De Cesare e Claudia Masiello (3,5 km). Il Trofeo Avis è stato assegnato ad Andrea Cignarale, Giulia Fanuzzi e Paolo Sola. 

La cerimonia di premiazione si è svolta in serata alla presenza dei genitori di Emanuele Angelone e del sindaco Viviana Verri, che ha partecipato alla gara insieme ad altri rappresentanti dell'amministrazione comunale. Gli organizzatori hanno assegnato anche il Premio Cultura Sostenibile alle associazioni “Basta Poco” e “Agata – Volontari contro il cancro” per il coraggio di dar voce alle loro 'debolezze' facendole diventare punti di forza; ad 'Agata' verrà devoluta una parte del ricavato della manifestazione, per contribuire all'acquisto di un mezzo di trasporto che accompagnerà i malati oncologici presso le strutture mediche di riferimento per i trattamenti chemioterapici. 

«Dopo 10 anni - concludono gli organizzatori - possiamo dire con certezza che Emanuele è diventato parte della comunità, alla quale abbiamo donato un pezzettino del nostro amore per lui.  Leonardo Cenci non poteva essere testimonial migliore: con la sua grinta ha contagiato tutti e dato forza a chi come lui combatte il cancro». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?