Salta al contenuto principale

La favola a lieto fine della Sanseverinese, tornata in campo dopo 7 anni senza calcio

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Foto di guppo per la ASD Sanseverinese Calcio
Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

SAN SEVERINO LUCANO (PZ) – E’ tornato a “risplendere” il campo sportivo comunale “Pietro Mele” di San Severino Lucano. Domenica scorsa, dopo sette anni senza calcio, la Sanseverinese è tornata in campo con una partita contro il Chiaromonte. Una partita giocata in un clima di cordialità e amicizia fra le due squadre che sono scese in campo dopo la benedizione della nuova struttura sportiva fatta dal parroco di San Severino Lucano don Antonio Zaccara, presenti alla cerimonia il sindaco Franco Fiore, l'assessore allo Sport Nicola Gallicchio, il consigliere comunale nonché presidente della Proloco Rosario La Sala, i rappresentanti dell'ufficio tecnico comunale ingegner Saverio Ciancio e il geometra Prospero La Ruina.

«Lo sport - ha detto il sindaco Fiore - rafforza quei valori fondamentali nella vita di tutti i giorni, come l’onestà, il sacrificio, la lealtà, il coraggio, l’autostima, la fiducia in se stessi e negli altri. Per i ragazzi èun momento di svago, ma allo stesso tempo è un momento importante per la loro crescita perché permette loro di relazionarsi con gli altri, condividere un obiettivo comune, imparare a rispettare le regole, gioire dei successi ed accettare le sconfitte, ecco perché ci siamo prodigati nella messa a punto di un campo sportivo in cui i nostri ragazzi possano ritrovarsi e divertirsi giocando a pallone». 

Intanto, con il 5 a 2 al Chiaromonte 84 (marcatori: Francesco Isoldi (2), Fausto Martino (2) e Giuseppe Mitidieri), la Sanseverinese è seconda in classifica (dietro il Maratea), e con il migliore attacco.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?