Salta al contenuto principale

Intervista a Pignatone: "Non si sottovaluti il pericolo della 'ndrangheta"

Calabria

Il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria lancia dalle pagine del "Quotidiano" l'allarme sulla criminalità organizzata. Dal ruolo "chiave" delle donne ai collegamenti con "l'area grigia"

Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

«Dal mio punto di vista di Procuratore della Repubblica e senza pretesa di dare lezioni a nessuno, mi auguro che non si ceda né alla tentazione di sottovalutare il pericolo costituito dalla 'ndrangheta né alla rassegnazione di fronte alla sua forza e alla sua pretesa invincibilità». Questo uno dei passaggi di un’intervista che il neo procuratore della Repubblica di Roma, Giuseppe Pignatone, ha rilasciato al 'Quotidiano della Calabria' e pubblicata integralmente nell'edizione di oggi.
«Le donne – dice ancora Pignatone a Michele Inserra che lo ha intervistato – hanno un ruolo chiave nella società meridionale e quindi anche nella 'ndrangheta. Sono le custodi dei valori familiari e quelle che più degli uomini influiscono sul destino dei figli e quindi sul futuro della famiglia e perciò anche dell’organizzazione criminale. Questo spiega la violenza della reazione al tentativo di Giuseppina Pesce, Maria Concetta Cacciola o Lea Garofalo di scegliere un destino diverso per sé e i loro figli. La 'ndrangheta è consapevole che il suo destino dipende anche dalle scelte di tante donne finora silenziose e rassegnate. La società civile deve trovare il modo di aiutare queste donne a scegliere per sé e i figli un destino diverso. In questo senso l’iniziativa del Direttore del vostro giornale per celebrare l’8 marzo nel nome di Maria Concetta Cacciola e Lea Garofalo è un passo importante nella giusta direzione».
Sul contrasto all’area grigia Pignatone risponde così: «E' chiaro che c'è moltissimo da fare. Le mafie non sarebbero quello che sono se non ci fosse l’area grigia. Però rispetto al passato conosciamo meglio il fenomeno e siamo quindi in condizioni di contrastarlo meglio. Credo che sia un risultato significativo avere accertato e sanzionato in sede processuale casi, anche assai gravi, di collusione con politici, imprenditori di rilievo, uomini degli apparati dello Stato e così via. Compito della magistratura è perseguire le responsabilità individuali; le indagini dimostrano però che non ci sono settori della società assolutamente immuni dal rischio del contagio mafioso come non ci sono settori in cui tutti sono colpevoli».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?