Salta al contenuto principale

Le arance per la Fanta frutto del lavoro di "migranti schiavi"

Calabria

Una inchiesta del periodico The Ecologist ha messo a nudo come le arance che servono alla produzione della Fanta provengano da lavoratori definiti "schiavi" attivi in Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

Condizioni di vita da schiavi, paga ridicola, nessuna tutela, caporalato imperante. È la situazione di molti migranti, spesso clandestini, che lavorano da stagionali in Calabria e raccolgono le arance destinate a finire nelle lattine di Fanta, marchio di proprietà della Coca-Cola. L’indagine è stata condotta dal periodico The Ecologist e rilanciata dall’Independent. Il colosso americano ha però smentito le critiche assicurando che i produttori da cui si serve sono regolarmente controllati da terze parti indipendenti in modo che gli standard siano rispettati. La Coca-Cola ha poi ammesso che la filiera produttiva è talmente lunga da non poter garantire la stessa cosa per le aziende che lavorano in subappalto. Alla base di tutto ci sarebbero i prezzi da fame pagati dalle grandi multinazionali ai produttori – 7 centesimi al chilo. Pietro Molinaro, capo della Coldiretti Calabria ha detto che il “prezzo appropriato» sarebbe di 15 centesimi. Il quotidiano britannico sottolinea però che non ci siano prove schiaccianti di cattiva condotta da parte di Coca-Cola o i dei suoi fornitori.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?