Salta al contenuto principale

Archiviate le indagini per l'attentato a Zavettieri

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

Il Gip del Tribunale di Reggio Calabria, Filippo Leonardo, ha disposto l’archiviazione a carico di ignoti del procedimento penale avviato dalla Procura distrettuale antimafia per l’attentato di cui è rimasto vittima, nel 2004, l’ex assessore regionale, Saverio Zavettieri. Lo ha reso noto il difensore dell’uomo politico, l'avv. Gianpaolo Catanzariti.   «In detto provvedimento, adottato a seguito dell’opposizione formulata dalla difesa dell’on. Zavettieri – afferma in una dichiarazione l’avv. Catanzariti – si confuta, comunque, la generica richiesta di archiviazione avanzata tre anni fa dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria. La Procura,  con provvedimento siglato dai pubblici ministeri Franco Scuderi e Giuseppe Pignatone, del 14 gennaio 2009, aveva ritenuto non confermato 'nessuno dei moventi ipotizzati nell’immediatezza del fatto, compreso, tra questi, quello che lo Zavettieri ha ritenuto essere valido ovverosia la sua ingombrante presenza a fianco del Presidente della Giunta Regionalè. A tale decisione - continua Catanzariti – avevamo proposto tempestiva opposizione evidenziando come, in realtà, fossero ben chiare le ragioni e gli ambiti che avrebbero determinato la commissione dell’episodio criminoso in questione. A tal fine, sono stati forniti univoci chiavi di lettura ed elementi probatori emersi in altre indagini condotte dal medesimo ufficio di Procura secondo cui, a nostro parere, fosse, in realtà, identificabile l'interesse di un ambiente politico-mafioso all’eliminazione dell’on. Zavettieri. Oggi – prosegue il difensore dell’on Zavettieri –  nonostante il Gip abbia archiviato, almeno per il momento, l’eventuale iniziativa giudiziaria tesa ad un accertamento dibattimentale, viene finalmente riconosciuto nella stessa ordinanza di archiviazione, seppure come causale generica, come il tentato omicidio perpetrato in danni dell’on. Zavettieri abbia potuto avere una matrice politico-mafiosa, ovvero sia stato dettato dall’interesse 'in capo ad un determinato ambiente politico-mafioso ad eliminare la ritenuta ingombrante presenza politica dell’on. Zavettieri, nonchè il parallelismo tra la presente vicenda e quella, conclusasi purtroppo tragicamente, che ha riguardato l’on. Fortugno». L'avv. Giampaolo Catanzariti, «pur nel disappunto per il mancato accoglimento della sua opposizione e rammaricata per la mancata occasione, da parte della magistratura, per andare a fondo, si augura che la nuova dirigenza della Procura reggina, anche alla luce di quanto emerge in indagini parallele, voglia procedere ad accertamenti più approfonditi sul livello politico-mafioso che nella nostra Calabria irrompe violentemente alterando la corretta ed ordinata convivenza civile, identificando i mandanti e gli esecutori del tentato omicidio commesso nel febbraio del 2004 nei confronti dell’on. Zavettieri».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?