Salta al contenuto principale

Il ritorno di Tuccio grazie a un nuovo incarico nel Pdl

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

REGGIO CALABRIA  - Esce dalla porta e rientra dalla finestra l’assessore comunale all’urbanistica, Luigi Tuccio. Il fedelissimo del Governatore aveva abbandonato la giunta comunale solo giovedì scorso per una questione giudiziaria che non lo riguardava direttamente (cioè l’arresto della   suocera, Giuseppa Cotroneo,  fermata il 13 marzo scorso con l’accusa di avere favorito la latitanza del boss della 'ndrangheta Domenico Condello, tuttora ricercato) pur gettando ombre sinistre sul palazzo comunale “attenzionato” dalla Commissione di accesso agli atti) ieri è già stato nominato Responsabile del Dipartimento “Formazione Politica, Legalità e Giustizia” del Pdl reggino. Insomma una promozione per Tuccio che passa da una questione giudiziaria al rappresentante della legalità in casa Pdl.  La scelta,. secondo quanto affermano dal Pdl, è stata assunta dal coordinatore Grande Città di Reggio Calabria, Daniele Romeo e il Vicario Antonio Pizzimenti, che lo hanno scelto, dopo la riunione del coordinamento Grande Città che, sabato scorso, aveva all’unanimità redatto un documento nel quale si chiedeva a Tuccio di proseguire all’interno del partito il suo impegno politico.   Insomma «le qualità morali, politiche e personali di Luigi Tuccio - ha affermato il coordinatore Grande Città Daniele Romeo – non potevano non essere valorizzate dal suo partito i cui membri del coordinamento, nei giorni scorsi, avevano chiesto a gran voce e con vigore che Luigi fosse coinvolto nelle attività del Partito, al fine di potersi avvalere, oltre che delle sue qualità umane, anche della sua esperienza politica e professionale».   «Proprio il forte significato della sua decisione – ha aggiunto Romeo – ci fa comprendere quanto siano elevate le doti umane e i valori interiori di Tuccio, che nella legalità e nella giustizia, ha vissuto la sua attività professionale, politica e amministrativa. Ciò che più mi preme sottolineare è la delicatezza del Dipartimento: ho rilanciato, sin dal giorno della mia elezione a coordinatore cittadino, l’importanza della scuola di formazione politica rivolta alle nuove generazioni».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?