Salta al contenuto principale

Colpo al Montepaschi, rapinati 50.000 euro

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

RICADI (VV) – Ammonta a 50.000 euro il bottino della rapina messa a segno ieri, in tarda mattinata, da due malviventi attivamente ricercati dai carabinieri. Obiettivo dell’audace colpo la filiale del Monte dei Paschi di Siena sita nella frazione Santa Domenica. Audace perché i rapinatori hanno agito a volto scoperto e armati solamente di un comune taglierino per mezzo del quale, tuttavia, hanno costretto il personale dipendente a farsi consegnare l’ingente somma di denaro. Al momento del colpo, all’interno del locale c’era anche una persona intenta ad effettuare un’operazione bancaria e che non ha potuto fare altro che assistere alla scena, durata non più di qualche minuto. I due, dopo aver preso le banconote, si sono rapidamente dileguate a piedi per le vie circostanti dove, con tutta probabilità avevano lasciato parcheggiato un mezzo, un’autovettura molto presumibilmente, per mezzo del quale dovrebbero aver imboccato qualche via che porta nell’entroterra. Sono stati gli stessi impiegati a far scattare l’allarme chiamando la sala operativa dei carabinieri che ha inviato sul posto alcune pattuglie in forza alla vicina Compagnia di Tropea. I militari agli ordini del capitano Francesco Di Pinto hanno istituito posti di controllo mentre un elicottero dell’8 Nucleo di stanza al vicino Gruppo operativo Calabria ha perlustrato la zona circostante. Tuttavia, nonostante l’attività di ricerca dei due malviventi nessuna traccia. Qualche ora prima, esattamente intorno alle 11,00, a Zaccanopoli si è verificata una tentata rapina ai danni di un farmacista, Domenico Pugliese, che già qualche mese addietro era, invece, stato costretto a consegnare il denaro, circa 500 euro, al malvivente. Avendo fatto tesoro di quella circostanza, l’uomo ha deciso di blindare la porta d’ingresso. E il sistema ha funzionato visto che il rapinatore ha tentato di entrare dovendo però rinunciare al colpo ed allontanarsi prima che arrivassero i militari dell’Arma della vicina stazione di Zungri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?