Salta al contenuto principale

Droga e furti, sette arresti nel Reggino

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

REGGIO CALABRIA - Sette persone sono state arrestate dai carabinieri, a Reggio Calabria, nel corso di alcuni servizi per il controllo del territorio. I carabinieri della stazione di Rosario Valanidi hanno tratto in arresto Antonino Mallamaci, 30 anni, per detenzione illegale di stupefacenti. Nella sua abitazione, a seguito di perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto 20 dosi da un grammo cadauna in confezioni di carta stagnola, occultate dietro un lavabo del bagno. I militari della Stazione Rione Modena hanno invece proceduto all’arresto in flagranza di Saverio Grillo, 36 anni, e di Cosimo Adornato, 29 anni, entrambi con l’accusa di furto aggravato in concorso. I due sono infatti stati sorpresi all’interno dell’Istituto scolastico «Boccioni» di via Messina, dove era stata segnalata la presenza di persone sospette: i militari li hanno sorpresi mentre caricavano a bordo della loro auto un pluviale in rame appena smontato dall’edificio scolastico, traendoli in arresto. I carabinieri della Stazione di Cannavò invece hanno proceduto all’arresto di Silvio Pisano, ventenne, studente universitario, sempre par il reato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Durante un posto di controllo i militari hanno proceduto al controllo di un’autovettura su cui viaggiavano alcuni giovani tra cui il Pisano, addosso al quale sono stati rinvenuti due grammi di marijuana. Una perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire presso l’abitazione dello studente un quantitativo di quasi 100 grammi delle stessa sostanza. I militari della Stazione di Rosario Valanidi hanno tratto in arresto poi altre tre persone. Si tratta di Leandro Ambrogio, 38 anni, Carmelo Campisi, 30 anni, ed Annunziato Paviglianiti Annunziato, 54 anni. I tre erano impegnati nel furto di inerti su terreno demaniale, con ruspe e camion avevano deturpato 15.000 metri quadrati di terreno prelevando 360 metri cubi di materiale inerte. Sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?