Salta al contenuto principale

I malinati tra indolenza e solitudini

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 20 secondi

L’Incipit è potente. Uno schermo televisivo degli orrori, corpi e volumi confusi dannati in un calore inferico di fiamme. Qualcuno forse è morto, e un profilo buio, esanime, resta incollato al monitor come l’inutile cadavere di un insetto sul vetro. È Rosarno, l’iraconda saturazione della Chinatown calabrese.

clicca qui per scaricare il pdf



 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?