Salta al contenuto principale

Trentesima intimidazione ai danni di Stuppia

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

 

VIBO VALENTIA - Ignoti hanno sparato colpi d’ arma da fuoco contro l’auto, una Lancia Lybra, su cui viaggiava Gregorio Stuppia, titolare, insieme al figlio, Daniele dell’autosalone Testa Rossa di Vibo Valentia. Fortunatamente l’uomo viaggiava su un’auto blindata. Il fatto è avvenuto nei pressi del centro commerciale «Le Cicale», alle porte del capoluogo. Le indagini sono affidate ai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia. Qualche settimana fa padre e figlio erano stati ricevuti dal prefetto, Michele Di Bari, in quanto Daniele Stuppia, a seguito dei circa 30 attentati subiti da parte della criminalità organizzata, aveva manifestato la volontà di chiudere la sua attività commerciale, facendo sapere di essere stanco di subire le continue intimidazioni e pressioni della malavita che intende imporgli il pizzo, alla quale non si è piegato denunciando i presunti autori delle tentate estorsioni a suo danno. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Sirgiovanni.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?