Salta al contenuto principale

Il pentito rivela i rapporti con la politica: "La 'ndrangheta tiene in mano la Lega Nord"

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

MILANO – «Il partito che odia i terroni ce l'abbiamo in mano». È la frase che, stando al racconto di un pentito di 'ndrangheta, avrebbe pronunciato, circa 6 anni fa, un boss della mafia calabrese nel corso di un summit con i rappresentanti di altre “famiglie”. E l’”anello di congiunzione” tra gli interessi delle cosche e persone vicine al Carroccio, sempre stando alla versione del collaboratore di giustizia, sarebbe stato l’uomo d’affari genovese Romolo Girardelli, indagato per riciclaggio assieme, tra gli altri, all’ex tesoriere della Lega Francesco Belsito, nell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria.    Lo scorso 27 aprile, il pentito Luigi Bonaventura -che è stato reggente dell’omonima cosca del Crotonese e che collabora con la giustizia dal febbraio 2007 – si è seduto davanti al pm reggino, Giuseppe Lombardo, sentito come persona informata sui fatti. La Dda calabrese, infatti, nell’ambito delle indagini sui fondi del Carroccio che interessano anche le Procure di Milano e Napoli, sta approfondendo il “filone” di un presunto riciclaggio messo in piedi forse con la commistione di soldi sporchi della 'ndrangheta e di denaro proveniente dalle casse del Carroccio. Bonaventura ha fatto presente agli stessi inquirenti, attraverso l’avvocato Giulio Calabretta, «l'assenza di tutele», cosa che aveva già “denunciato” anche in passato.   Malgrado, infatti, sia sotto protezione, come ha chiarito il suo legale, «non ha una scorta personale, se non quando si sposta per gli interrogatori, vive ancora in Calabria e i suoi familiari non sono per nulla protetti». 

Tutto ciò «nonostante abbia raccontato molte cose sui De Stefano e sia scampato già a un attentato». Proprio la cosca dei De Stefano è “centrale” infatti nell’inchiesta condotta dalla Dia di Reggio Calabria e lo stesso Belsito è accusato di aver “ripulito” denaro con l'aggravante di aver favorito il clan, assieme a Romolo Girardelli, il procacciatore d’affari genovese che nelle intercettazioni viene definito 'l'Ammiragliò.   Nel 2006, ben 4 anni prima che Belsito arrivasse a gestire la tesoreria della Lega, in un pranzo a Crotone – stando al racconto di Bonaventura – a cui parteciparono rappresentanti delle cosche Nicoscia, Coco Trovato, Russelli, tutti clan della “corrente De Stefano” parlava di Girardelli chiamandolo “Romolino". E in quell'occasione il boss avrebbe sostenuto che le cosche radicate al Nord «teneva in mano» la Lega, proprio attraverso «Romolino», che veniva “gestito” dalla 'ndrangheta. E in altri summit, sempre stando alla versione di Bonaventura, si sarebbe parlato anche di operazioni di riciclaggio per «70 milioni di euro».   Bonaventura ha spiegato anche come la 'ndrangheta e le cosche vicine ai De Stefano fossero riuscite a “sbarcare” a Genova. Là, sempre secondo le parole del collaboratore, il boss aveva conosciuto Girardelli. Proprio l’'Ammiragliò, dunque, secondo Bonaventura, sarebbe stato il “contatto” che la 'ndrangheta avrebbe speso per “agganciare” persone vicine alla Lega, anche prima di Belsito.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?