Salta al contenuto principale

Senzatetto pestato a morte
L'ospedale rifiuta le cure

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

CATANZARO - Una vita di stenti conclusa a Catanzaro Lido, nel pegiore dei modi.  Un quarantunenne bielorusso senza fissa dimora, Danilau Dzmitry è morto per le percosse rimediate durante una lite, forse per contendersi il posto migliore nel quale chiedere l'elemosina. Le botte rimediate lo hanno spinto fino in ospedale a chiedere di essere curato. Ma al nosocomio, secondo le prime ipotesi investigative, l'uomo non avrebbe ricevuto assistenza e sarebbe stato escluso il suo ricovero.

E così Danilau è morto a distanza di poche ore in una casa abbandonata del lido. Ora tre persone sono finite nel registro degli indagati:  Tropec Artiom, lituano di 25 anni, e due medici del pronto soccorso cittadino. I reati ipotizzati sono omicidio colposo e cooperazione nel delitto. Il primo avrebbe picchiato selvaggiamente la vittima nel corso di un litigio, i secondi non avrebbero prestato le cure necessarie una volta che il cittadino bielorusso si era presentato in ospedale. 

Sull'edizione del Quotidiano in edicola il servizio completo di Saverio Puccio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?