Salta al contenuto principale

Immobili dell'Aterp esenti dalla tassazione dell'Imu

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

I cittadini che metteranno alle famiglie sgomberate dalle palazzine

Aterp gli immobili di loro proprietà avranno l'esenzione dall'Imu

di GIUSEPPE CULTRERA

PIZZO - Esenzione Imu per i proprietari che fitteranno i propri immobili alle famiglie sgomberate dalle palazzine Aterp. Questa la rassicurazione del neo sindaco Gianluca Callipo riferendosi all’avviso pubblico emanato ieri, d’accordo con l’Aterp, per il reperimento di immobili nei quali ospitare le famiglie di via Pietà, in attesa che vengano realizzati i nuovi alloggi. Per rendere più efficace questa intesa e incentivare i proprietari di appartamenti sfitti o comunque inutilizzati ad offrire la propria disponibilità, il primo cittadino ha, quindi, deciso di mettere sul tavolo un incentivo allettante: l’esenzione Imu per la durata della locazione. La vicenda, com’è noto, riguarda 16 famiglie che abitano nelle palazzine Aterp di via Pietà, che devono essere sgombrate e abbattute al più presto perché ritenute instabili in seguito alle perizie effettuate. Una situazione che Callipo ha dovuto affrontare sin dalle prime ore del suo insediamento a Palazzo San Giorgio e che ora sembra finalmente avviarsi a soluzione. 

«Ho riscontrato - ha spiegato al riguardo il giovane amministratore - molta disponibilità, sia da parte delle famiglie che da parte dell’Aterp, che è pronta a sottoscrivere i contratti di locazione per gli alloggi temporanei o, in alternativa, erogare un’indennità a chi opta per una soluzione autonoma. Comprendo i disagi ed i timori che stanno affrontando queste famiglie, ma ora la priorità immediata è liberare le due palazzine, per scongiurare ogni rischio. Proprio per accelerare l’assegnazione degli alloggi provvisori, supportando concretamente l'Aterp nella ricerca degli immobili sfitti, abbiamo deciso di esentare i relativi proprietari dal pagamento dell’Imposta municipale che ha sostituito l’Ici. Un vantaggio economico - ha concluso Callipo - che si va ad aggiungere al congruo canone di locazione che sarà percepito da chi metterà a disposizione il proprio immobile alle famiglie sgombrate».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?