Salta al contenuto principale

Si incatena imprenditori per mancati pagamenti sanitari
Ma l'Asp precisa «le fatture sono sotto sequestro»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 21 secondi

LAMEZIA TERME - Da circa un anno non riesce a vedere liquidate le fatture presentante all'Azienda sanitaria per alcune forniture. Un totale di circa 350mila euro che l'Azienda deve alla società della figlia. Per questo, un uomo si è incatenato questa mattina davanti il palazzo di giustizia di Lamezia Terme. 

Pietro Rocca è un imprenditore e la figlia è titolare dell'azienda che fornisce l'Asp. Nonostante le ripetute segnalazioni e le rassicurazioni dell'Azienda sanitaria, le fatture sono rimaste da pagare e la ditta rischia di chiudere, licenziando anche quattro dipendenti. La banca, infatti, ha minacciato la chiusura dei conti della ditta, nonostante i corposi crediti vantati. L'imprenditore ha chiesto di potere incontrare il procuratore Domenico Prestinenzi perché possa essere fatta chiarezza sulla vicenda.

Nel frattempo è giunta una precisazione da parte dell'Asp che per il tramite del direttore generale, Gerardo Mancuso, precisa che «non ci sono responsabilità a carico dell’Azienda sanitaria perché le fatture a cui fa riferimento il Rocca, che ammontano a circa 300milaeuro, sono fatture che non possono essere liquidate in quanto fanno parte di una inchiesta penale avviata dalla magistratura su forniture di protesi e ausili, un procedimento che ha ovviamente bloccato tutto, anche i pagamenti, perché si ipotizza una presunta truffa ai danni dello Stato. La mancata corresponsione di somme dovute all’impresa Rocca non dipende dunque da cattiva volontà o negligenza da parte dell’Azienda sanitaria. E’ perciò improprio attribuirci  responsabilità che non ci appartengono in quanto le procedure dei pagamenti sono state bloccate dall’inchiesta avviata dalla magistratura».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?