Salta al contenuto principale

Isola di Capo Rizzuto, rubato l'intero impianto elettrico della scuola

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Crotone) - Hanno portato via l’intero impianto elettrico dell’edificio gli ignoti ladri che la notte scorsa sono penetrati all’interno della scuola dell’infanzia Madonna degli Angeli di Isola Capo Rizzuto. I malviventi sono entrati nell’edificio dopo aver forzato due finestre, hanno staccato la corrente e si sono dedicati all’impianto elettrico; in particolare hanno scardinato prese e interruttori sfilando i cavi fin dove hanno potuto; hanno portato via i quadri elettrici, la macchinetta che serve per leggere i badge della mensa, hanno finanche smontato lo scaldabagno e una fotocopiatrice per asportarne le parti elettriche; quindi hanno sottratto un telefono cellulare chiuso in un armadietto, rotto il rubinetto di un bagno e portato via quello che c'era nella medicheria. 

«Un danno da svariate migliaia di euro – ha spiegato il dirigente scolastico del secondo circolo Giuseppe Macheda – che ci costringerà a rifare l’impianto elettrico. Per il momento abbiamo messo l’istituto in sicurezza, in attesa di interventi più sostanziali da mettere in atto quando la scuola sarà chiusa». 

Il sindaco di Isola Capo Rizzuto Carolina Girasole ha invitato la comunità «a reagire con sdegno a questi gesti, che sono condotti contro una intera popolazione. La scuola è di tutti, ci passano tutti i nostri figli, e dovrebbe essere un luogo di allegria e serenità, in cui si costruisce il proprio futuro e si imparano le buone pratiche della vita. Il furto nella scuola di Madonna degli Angeli – ha aggiunto Girasole – è il punto culminante di una situazione più generale che vede susseguirsi numerosissimi furti nelle abitazioni; una situazione che sta esasperando la popolazione. E' chiaro che, nonostante tutti gli sforzi profusi, le forze dell’ordine presenti sul territorio di Isola non sono sufficienti, e oggi più che mai appare evidente l’urgenza di aprire la tenenza dei Carabinieri. Le difficoltà nella tutela del territorio sono accresciute anche dal numero esiguo di Vigili urbani in servizio. Ecco perchè invito i cittadini a denunciare ogni violazione alla quale assistono; ma sollecito anche una maggiore sensibilità della cittadinanza, affinchè condanni in maniera forte e compatta ogni gesto illecito e accentui il proprio ruolo di vigilanza personale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?