Salta al contenuto principale

Accorpamento del tribunale di Rossano, avvocati sul piede di guerra

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

ROSSANO - Gli avvocati di Rossano hanno deliberato l’astensione ad oltranza dalle udienze e la riunione in assemblea permanente contro l’ipotesi di chiusura del Tribunale che potrebbe essere accorpato con quello di Castrovillari.   Nel corso dell’incontro, dove non sono mancati diverbi tra legali di parere opposto, è stato deciso di fissare per il 20 giugno una manifestazione pubblica alla quale prenderanno parte anche i rappresenti politici e sindacali. Per domani è prevista una riunione degli avvocati per concretizzare l’assemblea permanente.   Non sono bastate, dunque, le rassicurazioni giunte dal Ministero della Giustizia sull'assenza di provvedimenti definitivi di chiusura del Tribunale dopo l’incontro tra il sindaco di Rossano Giuseppe Antoniotti, il presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati, Serafino Trento ed i commissari del Dipartimento Organizzazione giudiziaria che si è tenuto lo scorso 4 giugno.   Proclamato lo stato di agitazione anche da parte del personale dipendente del Tribunale di Rossano che, è scritto in una nota dei sindacati, «rivendica il mantenimento di un presidio di legalità che ha tutti i titoli ed i requisiti per continuare ad esistere». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?