Salta al contenuto principale

Rapinatore disarmato da un colpo di scala
Poi la gente lo blocca in strada: arrestato

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

REGGIO CALABRIA – L'intervento del figlio di una tabaccaia ha sventato una rapina e un giovane, Antonino Marra, di 29 anni, con precedenti, è stato arrestato in flagranza dalla polizia a Reggio dopo che alcuni passanti lo hanno bloccato.   Marra è stato arrestato dagli agenti della squadra volante dopo che aveva tentato di impossessarsi dell’incasso della tabaccheria.

L’episodio è avvenuto intorno alle 12.30 nella centralissima via Reggio Campi II Tronco. L'uomo, approfittando dell’ora di punta e della confusione creata dai giovani scolari degli istituti di istruzione che insistono in quella zona, che proprio oggi festeggiavano la fine dell’anno scolastico, si è presentato col volto travisato da un casco da motociclista di colore nero all’interno della tabaccheria, dove in quel momento c'era solo la titolare, e impugnando una pistola con guanti neri le ha intimato di consegnare l’incasso. La donna ha urlato per lo spavento, richiamando l’attenzione del figlio.Quest’ultimo ha reagito colpendo il malvivente con una scala di legno. Secondo il racconto delle vittime, l’uomo a quel punto ha tentato di sparare sia alla madre che al figlio, premendo almeno due volte il grilletto della pistola, che però fortunatamente ha fatto cilecca. 

Marra a questo punto ha tentato quindi di fuggire a piedi, inseguito fin fuori l’esercizio commerciale dal figlio che, brandendo ancora la scala in legno, ha continuato a colpirlo alle spalle. Sono intervenute anche altre quattro persone che si trovavano in zona che hanno bloccato il giovane fino all’arrivo dei poliziotti e lo hanno disarmato, torgliendogli una Beretta calibro 6.35 con matricola abrasa. Adesso l’arma sarà esaminata dagli specialisti del Gabinetto regionale di polizia scientifica, diretta dal vice questore aggiunto Diego Trotta, per verificare sia il racconto delle vittime, accertando quindi se effettivamente il rapinatore abbia tentato di sparare, sia per controllare se l’arma sia stata già utilizzata in precedenza per commettere delitti. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?