Salta al contenuto principale

Le parole del boss: «La cosca Pesce non esiste, ho sempre detto ai miei figli di costituirsi altrimenti lo Stato si accanisce»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

REGGIO CALABRIA - «La cosca Pesce non esiste. Ai miei figli ho sempre detto di costituirsi, perchè altrimenti lo Stato si accanisce». A dirlo è stato oggi Antonino Pesce, nel corso del processo davanti ai giudici del Tribunale di Palmi contro i presunti capi ed affiliati alla cosca.   Pesce, detenuto al 41 bis dove sta scontando una condanna definitiva all’ergastolo per omicidio, è imputato per associazione mafiosa perchè ritenuto il capo dell’omonima cosca. Dei due figli di Antonino, Francesco e Giuseppe, uno, Giuseppe, è ancora latitante.   Antonino Pesce ha chiesto di essere sentito ed ha risposto alle domande dei difensori e dei giudici del tribunale dal momento che i pm Alessandra Cerreti e Giulia Pantano, hanno rinunciato all’esame. L’imputato ha sostenuto che dal momento dell’arresto non ha più fatto niente e che nel corso dei colloqui in carcere con parenti e figli intercettati dagli investigatori e che secondo l’accusa testimoniano come ancora continuasse a gestire gli affari della famiglia, parlava solo di questioni familiari e di niente altro.   Successivamente, è stato interrogato l’ex carabiniere Carmelo Luciano, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?