Salta al contenuto principale

Operativo dal 2 luglio il programma
contro l'emergenza rifiuti in Calabria

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 11 secondi

 

CATANZARO - Sarà operativo dal 2 luglio prossimo il programma contro l’emergenza rifiuti in Calabria. Lo rende noto l’Ufficio del Commissario delegato per il definitivo superamento del contesto di criticità nel settore dei rifiuti urbani nel territorio della regione Calabria, guidato da Vincenzo Speranza. «Il programma, tra l’altro, – è scritto in una nota –  prevede fino al 15 settembre le aperture delle discariche e degli impianti anche nelle giornate di sabato e domenica. In data 28 giugno il comandante del Noe di Reggio Calabria, capitano Paolo Minutoli, ha notificato al commissario Speranza l’avvenuto dissequestro della discarica di Casignana da parte del Gup di Reggio Calabria, dottoressa Grasso. Tale dissequestro è stato possibile dopo che personale dell’Ufficio, in particolare l’ingegnere Massimo Morello e l'ingegnere Giampiero De Stefano, il primo nominato custode giudiziario fin dal momento del sequestro avvenuto nel novembre 2011, si sono adoperati, assieme all’ufficio tecnico del Comune di Casignana, per evitare ogni possibile impatto ambientale negativo mediante la realizzazione di strutture adeguate che hanno consentito all’Ufficio Via del Dipartimento Ambiente della Regione di dare il parere positivo, anche in considerazione del fatto che l’Ufficio del Commissario ha chiesto all’Arpacal ulteriori e più approfondite analisi. Il Gip che aveva proceduto al sequestro, dott. Laganà, – prosegue il comunicato –  puntualmente informato su tutte le attività, aveva quindi trasmesso gli atti al Gup, che nell’ambito del noto procedimento penale ha provveduto, valutato tutto l'insieme, a dissequestrare la discarica. Tale provvedimento, - si evidenzia - per quel che riguarda le problematiche dell’area della provincia di Reggio Calabria, consente, in particolar modo in questo periodo estivo, di affrontare la situazione con maggiore tranquillità, considerato che con la riapertura della discarica di Casignana si registrerà un sensibile alleggerimento del lavoro dell’impianto di Siderno». Per quanto riguarda l’area del Cosentino, «grazie all’intesa raggiunta con il nuovo sindaco di Cassano allo Ionio, nella discarica, interessata nelle ultime settimane da una serie di lavori, conferiranno altri 17 comuni del comprensorio. Inoltre, – prosegue il comunicato –  la discarica di San Giovanni in Fiore, gestita dal Consorzio «Valle Crati», potrà essere utilizzata da diversi comuni della provincia cosentina, mentre a Scalea, nel pieno rispetto delle normative vigenti, il Comune è stato autorizzato ad aprire una stazione di trasferenza per superare l’emergenza estiva. In questo quadro l’impianto di Rossano avrà una sensibile diminuzione di conferimenti di rifiuti che consentirà anche di eliminare le interminabili file di camion come successo nella scorsa stagione estiva». L’Ufficio del Commissario, inoltre, «in questi giorni sta lavorando per cercare di alleviare le problematiche esistenti nel Crotonese, verificando la possibilità di utilizzare gli impianti della Sovreco, nonchè la discarica di Scala Coeli, attesa la rispondenza a tutte le norme di legge. A tal proposito, per martedì prossimo, 3 luglio, negli uffici del Commissario delegato è in programma una riunione con tutti i sindaci del Crotonese e quelli del Cosentino del comprensorio di Scala Coeli per esaminare la situazione complessiva. In definitiva, il sistema messo in campo fino al 15 settembre prossimo, è stato studiato per cercare di evitare il ripetersi della situazioni della scorsa stagione estiva. Il programma è stato varato anche su input del Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, e dell’assessore all’Ambiente, Francesco Pugliano, che seguono costantemente il settore, oltre alla sensibilità dimostrata dalla Direzione tecnica dello stesso Dipartimento. L’Ufficio del commissario, infine, – si legge – intende ancora una volta rassicurare i lavoratori Tec-Veolia sul loro futuro occupazionale, invitandoli ad una fattiva collaborazione per evitare disagi ai cittadini».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?