Salta al contenuto principale

Intimidazione a collaboratore di giustizia
Un bossolo per Luigi Bonaventura

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

TERMOLI (CB) - Un bossolo di pistola calibro 9x19 è stato ritrovato dalla moglie di Luigi Bonaventura, l'uomo è un collaboratore di giustizia ed ex reggente della cosca Vrenna-Bonaventura che dal 2006 sta collaborando attivamente con la giustizia. Poche settimane fa dalla località protetta (ma ormai da lui stesso svelata, dopo essere stato avvicinato in più occasioni da uomini della criminalità organizzata) in cui si trova con la moglie Paola Emmolo e i due figli piccoli, ha rivolto un appello a Napolitano chiedendo una scorta (l'uomo è sottoposto a protezione attiva solo quando si deve recare presso le aule dei tribunali per testimoniare mentre in tutti gli altri giorni vive senza la presenza di una scorta armata) perché si sente molto minacciato e teme per l’incolumità dei sui bambini. Questa mattina, dunque, nella cassetta della posta dell'abitazione del condominio sito in località protetta in cui ora vive Bonaventura, la consorte ha ritrovato un bossolo che nel linguaggio mafioso sta a significare minaccia di morte. In questo momento il collaboratore di giustizia, secondo alcune indiscrezioni trapelate, si starebbe per recare presso le forze dell'ordine per denunciare l'accaduto. Assieme al bossolo di pistola, il cui calibro si riferisce ad un arma di tipo militare in dotazione alle forze armate ma anche spesso utilizzata dalla criminalità organizzata, la donna ha trovato anche una busta di una parrocchia, sulla cosa lo stesso Bonaventura, che ha comunito l'accaduto al Quotidiano, precisa di non sapere se esista un collegamento con il bossolo anche se normalmente in casi di minacce di morte di questo genere la criminalità è solita aggiungere anche un santino a rafforzare l'intento intimidatorio lasciando intendere che non resterebbe che pregare.

Altro elemento importante riguarda la circostanza che oltre al bossolo, la moglie e poi lo stesso Bonaventura hanno notato che il nome di copertura posto sul citofono del condominio in cui vivono era stato strappato. Sempre al Quotidiano Bonaventura ha comunicato di aver proceduto ad una denuncia alle autorità in relazione a delle minacce che avrebbe ricevuto da un componente della sua scorta negli scorsi giorni.

QUANDO LA MOGLIE SI CONFIDO' AL QUOTIDIANO

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?