Salta al contenuto principale

In Calabria si boccheggia, martedì e mercoledì giornate da bollino rosso

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

 

CATANZARO - Caldo intenso, temperature a ridosso dei 40 gradi, spiagge e luoghi di montagna presi letteralmente d’assalto. E’ questa la situazione che si registra per la prima giornata di Minosse, l’anticiclone che ha portato sull’Italia temperature africane e che proseguirà i suoi effetti almeno per una settimana. A cui fa il palio un tasso di umidità elevatissimo che rende tutto ancora più insopportabile.

Secondo il ministero della Salute, ci sarà in questi giorni una nuova recrudescenza delle ondate di calore, soprattutto al centro e al sud: secondo l’ultimo aggiornamento del Ministero, sia martedì che mercoledì saranno dieci, complessivamente, le città «a rischio» con allerta dei servizi sanitari e sociali. In particolare, domani saranno ventiquattrore da «bollino rosso» (livello 3, il più alto) a Campobasso, Perugia e Pescara e da «arancione» (livello 2) a Bologna, Latina, Palermo, Reggio Calabria, Rieti, Roma e Viterbo. Mercoledì bollino rosso in quattro città (a Campobasso, Perugia e Pescara si aggiungerà Rieti) e «arancione» in sei: Ancona, Bologna, Latina, Palermo, Reggio Calabria e Roma.

Già ieri, domenica, si era avvertita la sensazione che l'afa avesse preso il sopravvento. Botricello è stata la località calabrese dove, con 37,3, si registra la temperatura più elevata. Caldo afoso anche a Torano Scalo, con 36,7, a Cosenza (35,2) e Castrovillari (35).   Secondo il Centro funzionale multirischi dell’Arpacal, che le ha rilevate, si tratta di temperature al di sopra della media stagionale.   

Proprio il gran caldo potrebbe essere alla base della morte di un sessantenne di Tiriolo. La tragedia si è consumata domenica sulla spiaggia di Roccelletta di Borgia. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo è stato colto da un malore mentre si trovava in mare; inutili i soccorsi, prestati anche da alcune persone che si trovavano al mare. Nella zona era stato inviato anche l’elisoccorso del 118, ma non è servito a nulla perché il malcapitato è morto sul colpo. 

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?