Salta al contenuto principale

Intercettato mentre violentava la ragazza

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

LAMEZIA TERME (CZ) – Lo hanno arrestato per violenza sessuale dopo avere «ascoltato» in diretta gli abusi compiuti sulla sua ragazza. È quanto accaduto a Lamezia Terme. Gli agenti del commissariato della polizia avevano piazzato una microspia nell’auto di Antonio La Polla, di 23 anni, nell’ambito di un’inchiesta su un giro di spaccio di droga a Sambiase e nel corso del servizio hanno ascoltato la violenza compiuta ai danni della sua ragazza.   

Stamani, quando gli agenti sono andati ad eseguire l'ordinanza emessa dal gip per lo spaccio di droga, La Polla è stato arrestato insieme ad altre sette persone, ma a lui sono stati contestati anche i reati di violenza sessuale, minacce, maltrattamenti e atti osceni in luogo pubblico. La ragazza non aveva presentato denuncia. Il padre di La Polla, Giovanni, fu ucciso in un agguato il 26 settembre 1995 insieme a Salvatore Ruberto. 

Secondo l’accusa, l’organizzazione, guidata proprio da La Polla, era composta anche da Nazareno Giuliani (22), Natalino Giudice (27), Roberto Strangis (27), Felice Puccinelli (56), tutti portati in carcere, e da Vincenzo Lombardo (21), Vincenzo Ruberto (27) (attualmente irreperibile) e Luca Caruso (38), tutti e tre destinatari di un provvedimento ai domiciliari. Per una nona persona, Umberto De Fazio (19) è stata applicata la misura dell’obbligo di dimora.  

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?