Salta al contenuto principale

Dopo l'agguato è grave ma non rischia la vita
il fratello del boss La Rosa ferito a Tropea

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

TROPEA - E' in gravi condizioni ma non è in pericolo di vita Francesco La Rosa, 43 anni, ferito in un agguato questa notte. Poco dopo la mezzanotte, in via delle Libertà, il pluripregiudicato di Tropea è stato raggiunto da colpi d'arma da fuoco. La vittima, fratello del boss Tonino La Rosa, riconosciuto con sentenza definitiva capo promotore dell'omonima associazione mafiosa egemone a Tropea, stava transitando sulla trafficata arteria a bordo di uno scooter. 

E' stato raggiunto da due uomini a bordo di un motociclo. Il passeggero gli ha esploso contro due colpi con un revolver calibro 38. La Rosa è stato colpito al torace e al braccio. Caduto a terra, ferito e sanguinante, è stato prima trasportato al Pronto soccorso dell'ospedale di Tropea e, da qui, allo "Jazzolino" di Vibo dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico. La prognosi rimane riservata. I carabinieri, che sperano di ricavare elementi utili dagli impianti di videosorveglianza, indagano a trecentosessanta gradi senza escludere alcun movente, compreso quello mafioso, anche se le modalità ed il suo luogo scelto per l'agguato inducono a ritenere che possa essersi trattata di un'azione d'impeto per ragioni di carattere personale.

Il ferimento è avvenuto di fronte a decine di testimoni, su una via trafficata e centrale di Tropea, a quell'ora affollata da giovani e turisti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?