Salta al contenuto principale

Blitz contro i beni del clan, sigilli per milioni di euro
apposti alle proprietà di Luciano Lo Giudice

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 41 secondi

REGGIO CALABRIA - La Divisione Anticrimine della Questura di Reggio Calabria ha eseguito un decreto di confisca, per svariati milioni di euro, emesso dal Tribunale, sezione misure di prevenzione, nei confronti di Luciano Lo Giudice, considerato esponente dell’omonima cosca di 'ndrangheta. Figlio del defunto boss Giuseppe, Luciano è fratello del collaboratore di giustizia Antonino Lo Giudice, quest’ultimo ritenuto capo della consorteria criminale. Luciano, 38enne, era stato arrestato il 20 ottobre 2009 per intestazione fittizia di beni. 

Una seconda ordinanza di custodia cautelare in carcere gli era stata notificata nel gennaio 2010 per fatti di usura ed estorsione. Lo scorso marzo, inoltre, il gip di Catanzaro lo ha mandato a giudizio immediato per gli attentati commessi con la bomba alla procura generale di Reggio Calabria, la bomba scoppiata presso l’abitazione del procuratore generale e il lanciarazzi 'indirizzato' al procuratore della DDA rinvenuto davanti al Cedir. La confisca eseguita oggi trae origine da tre proposte di sequestro beni rientranti nella diretta e indiretta disponibilità di Luciano Lo Giudice.

I BENI CONFISCATI. Tra i beni confiscati a Lo Giudice vi è anche una ditta di nautica e una rivendita di supercar di lusso. Ammonta a svariati milioni di euro il patrimonio che, grazie a tre distinte proposte di sequestro firmate negli scorsi anni dal Questore di Reggio Calabria, il Tribunale, sezione misure di prevenzione, ha sottoposto a confisca. 

Di seguito l’elenco dei beni, direttamente o indirettamente nella disponibilità di Luciano Lo Giudice, confiscati: 8 immobili siti in Reggio Calabria; patrimonio aziendale della ditta individuale denominata «Peccati di Gola di Mogavero Vincenza» con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale della ditta individuale denominata «Peccati di Gola di Lo Giudice Luciano» con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale del ramo di azienda, esercitante attività di commercio al minuto di prodotti ittici, facente parte del patrimonio aziendale della società «Norfish srl» con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale del ramo di azienda, esercitante attività di produzione gastronomica, facente parte del patrimonio aziendale dell’impresa individuale denominata «Smile di Ieracitano Angelica Consolata» con sede in Reggio Calabria; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della s.n.c. «Nautica Spanò di Spanò Pasquale & C s.n.c.», esercente attività di costruzione di imbarcazioni da diporto, con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale e quote sociali formalmente intestate a Cricrì Giuseppe della S.R.L. «Ambrosiana Motori s.r.l.», esercente attività di commercio all’ingrosso ed al dettaglio di auto e moto nuove ed usate, con sede in Milano; patrimonio aziendale della ditta individuale denominata «Legnami Zoccali di Enrico Arillotta», con sede a Reggio Calabria fraz. S.Gregorio; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della Società denominata «Zeta Legno s.r.l.», con sede in Reggio Calabria; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della srl «Caffè Garibaldi srl», con sede in Reggio Calabria; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della s.a.s. «Caffè Garibaldi di Enacopol Beatrice e C.», con sede in Reggio Calabria; Beni mobili, Conti correnti e polizze assicurative. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?