Salta al contenuto principale

Agibile lo stadio "Ceravolo"
Il Catanzaro giocherà in casa

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

CATANZARO - La Commissione provinciale di vigilanza sui pubblici spettacoli, presieduta dal vice prefetto Osvaldo Caccuri, ha dato il parere positivo all’agibilità dello stadio «Nicola Ceravolo» per un numero massimo di spettatori pari a 7.499. Domenica prossima 2 settembre, quindi, il Catanzaro potrà disputare regolarmente tra le mura amiche l'incontro con il Barletta nel primo turno del campionato di Prima Divisione. Lo rende noto il Comune, precisando che il parere «è giunto a seguito del sopralluogo che la Commissione ha effettuato questa mattina allo stadio dove era presente anche il prefetto Antonio Reppucci ed il presidente dell’Us Catanzaro, Giuseppe Cosentino. Per il Comune erano rappresenti l'assessore ai lavori pubblici, Vincenzo Belmonte e i tecnici incaricati, mentre la Società calcio era rappresentata dall’ing Romeo». 

Soddisfazione per la conclusione positiva dell’iter tecnico – burocratico è stata espressa dal sindaco Sergio Abramo «Siamo riusciti proprio grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, alla collaborazione della Società e alla costanza dell’impresa, ed alla professionalità e all’esperienza dell’assessore Belmonte, a portare al termine una vicenda complicata che rischiava di compromettere l’intero campionato del Catanzaro. C'è voluta tutta la determinazione dell’Amministrazione e dei tecnici per superare intoppi e problemi di vario genere per evitare che gli sforzi compiuti dalla Società, dalla squadra e dai tecnici dell’Us Catanzaro per ridare orgoglio e stima ai colori giallorossi andavano persi. Il Comune, quindi, ancora una volta ha fatto di tutto per evitare che il Catanzaro venisse «sfrattato» dal Ceravolo, consapevole del ruolo che il calcio svolge nel contesto sociale ed economico, oltre che all’immagine, della Città. Voglio anche ringraziare i cittadini residenti nella zona per i disagi che dovranno sopportare legati ai cancelli di pre filtraggio installati in piazza Martiri Ungheresi , indispensabili per l’agibilità ma che saranno spostati subito dopo le partite. Tutto ciò in attesa del progetto definitivo di completamento che sarà finanziato con fondi regionali che prevede il rifacimento della piazza ed il completamento delle opere all’interno dello stadio. Lavori che consentiranno una maggiore capienza. Per questo – ha aggiunto Abramo – rinnovo un grazie al presidente Scopelliti che ha mantenuto fede alla sua promessa inserendo il finanziamento nei fondi Cipe».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?