Salta al contenuto principale

Scopelliti interrogato per la nomina a dirigente
della moglie del giudice arrestato per ndrangheta

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

ROCCELLA JONICA (RC) – Il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, è stato interrogato dal pm della Procura della Repubblica di Catanzaro, Gerardo Dominijanni, nell’ambito dell’inchiesta sulla nomina di Alessandra Sarlo a dirigente generale del Dipartimento controlli della Regione. Scopelliti il 3 agosto scorso, nell’ambito della stessa inchiesta, aveva ricevuto un’informazione di garanzia per abuso d’ufficio.   

L’interrogatorio si è protratto per poco più di un’ora, anche se i legali del presidente affermano che in realtà è durato poco più di un quarto d'ora, e si è svolto nella caserma della Compagnia dei carabinieri di Roccella Jonica, cittadina in cui risiede il magistrato, che in questo periodo è in ferie. Il magistrato non ha voluto commentare l’esito dell’interrogatorio. Scopelliti, che era accompagnato dai suoi legali di fiducia, gli avvocati Nico D’Ascola e Aldo Labate, ha risposto a tutte le domande, non avvalendosi della facoltà di non rispondere. Nella stessa inchiesta sono indagati l’assessore regionale al Personale, Domenico Tallini, e la dirigente dell’assessorato, Rosalia Marasco. Alessandra Sarlo, nel 2010, è stata, per un breve periodo, commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia. La dirigente è la moglie del giudice Vincenzo Giglio, arrestato nello scorso mese di novembre nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Milano sulle attività in Lombardia della cosca Lampada della 'ndrangheta.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?