Salta al contenuto principale

Due agenti di polizia penitenziaria
aggrediti in carcere da un detenuto

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

CASTROVILLARI (Cosenza) - Un assistente capo ed un sovrintendente della polizia penitenziaria, entrambi in servizio nella casa circondariale di Castrovillari, sono stati aggrediti da un detenuto che poco prima aveva picchiato due compagni di cella. La notizia è stata resa nota da Giovanni Battista Durante, segretario generale del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale. I due agenti, intervenuti per porre fine ad un litigio tra detenuti, hanno riportato lievi ferite.

Attualmente a Castrovillari sono presenti 260 detenuti per una capienza regolamentare di 110 posti.   «Chiediamo all’amministrazione – affermano i sindacalisti del Sappe – di porre in essere tutte le iniziative disciplinari previste, fermo restando le eventuali denunce all’autorità giudiziaria, considerato che non è assolutamente tollerabile che succedano cose del genere, anche se, purtroppo, nelle carceri italiane gli eventi critici sono tantissimi. Infatti, nel corso del 2011 ci sono stati 5639 atti di autolesionismo, 1003 tentativi di suicidi, 63 suicidi, 102 decessi per cause naturali, 734 ferimenti, 3455 colluttazioni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?