Salta al contenuto principale

Bomba al distributore di benzina
Tragedia sfiorata a Gioia Tauro

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

GIOIA TAURO – Una bomba ad alto potenziale è stata fatta esplodere questa notte distruggendo un distributore di carburante in pieno centro a Gioia Tauro, nel reggino. L'esplosione è avvenuta intorno a mezzanotte, fortunatamente non ha causato feriti ma solo lievi danni alle abitazioni vicine, a molte delle quali si sono frantumati i vetri delle finestre. Completamente distrutto, invece, il distributore di carburante IP, vicino alla stazione ferroviaria del paese. Il carburante custodito nel serbatoio del distributore, per fortuna, non è stato innescato dall’esplosione, che altrimenti avrebbe potuto causare danni ancora più seri. 

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Sezione investigativa del Commissariato di Gioia Tauro, diretto pro-tempore dal vice questore aggiunto Fabio Catalano, gli specialisti della Polizia Scientifica e l'artificiere antisabotaggio del XII Reparto Mobile di Reggio Calabria. Il distributore, di proprietà di un incensurato, L.P., fino a qualche tempo fa era stato di proprietà di Vincenzo Priolo, ucciso a 29 anni nel luglio 2011 in un agguato, stessa sorte toccata nel febbraio scorso allo zio Giuseppe, entrambi vicini per legami familiari alla famiglia di 'ndrangheta Piromalli.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?