Salta al contenuto principale

Perseguire penalmente chi paga il pizzo
L'ipotesi al vaglio della Dda di Catanzaro

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

 

CATANZARO - La procura distrettuale di Catanzaro sta valutando l’ipotesi di perseguire penalmente gli imprenditori di Lamezia Terme che ancora versano denaro alle cosche della città. A dirlo è stato il procuratore aggiunto della Dda, Giuseppe Borrelli, a margine della conferenza stampa sull'arresto di due persone per un’attentato ai danni della pizzeria gestita dalla sorella del collaboratore di giustizia Angelo Torcasio, lasciando intendere che si potrebbe arrivare anche all’arresto per concorso esterno in associazione mafiosa.   «Se il pagamento – ha spiegato Borrelli – avviene dietro la forza intimidatrice che le cosche esercitano controllando il territorio, si tratta di estorsione. Ma se il pagamento prosegue anche quando questa forza non c'è più grazie all’azione della magistratura e delle forze dell’ordine, allora si tratta di un finanziamento alla 'ndrangheta e su questo la Dda sta ragionando per valutare quale possa essere la qualificazione giuridica».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?