Salta al contenuto principale

Strage di San Lorenzo del Vallo: presi i due killer
Famiglia distrutta per vendicare il figlio del boss Presta

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

 

COSENZA - L'immagine agghiacciante della ventiseienne Barbara De Marco ormai esanime che penzolava dal balcone dopo l'inutile tentativo di fuga, aveva fatto il giro d'Italia. Era il fotogramma più agghiacciante di una strage feroce, nella quale perse la vita anche la mamma di Barbara, Rosellina Indrieri, 45 anni, mentre rimase ferito il fratello della giovane, Silas, che ebbe la prontezza di farsi credere morto e riuscì a scampare. Proprio grazie alla sua testimonianza, sono caduti oggi nella rete delle forze dell'ordine gli esecutori materiali di quella mattanza: si tratta di Domenico Scarola, di 26 anni di Cosenza, e Salvatore Francesco Scorza detto Vincenzo, 30 anni di Tarsia. Quest'ultimo è figlio di Costantino Scorza implicato nell'operazione Twister contro le cosche locali.

Le indagini che hanno portato ai due fermi sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di San Marco Argentano e dagli agenti della Squadra mobile della Questura di Cosenza, coordinati dal pm della Dda di Catanzaro Vincenzo Luberto. Il loro obiettivo, in quella notte del 16 febbraio 2011 era sterminare l’intera famiglia De Marco. Oltre a Silas, 24 anni, scampò però anche il capofamiglia, Gaetano, che era ubriaco e si addormentato per terra in un'altra stanza. Proprio Gaetano era il fratello di Aldo De Marco, un commerciante che il 17 gennaio precedente, a Spezzano Albanese, aveva ucciso a colpi di pistola Domenico Presta, di 22 anni, figlio del boss latitante Franco, al termine di un diverbio a causa di un parcheggio.

Aldo De Marco si costituì subito ai carabinieri di Spezzano Albanese spiegando che non voleva uccidere il ragazzo ma solo spaventarlo: qualche mesi fa è stato condannato a 24 anni di reclusione per il delitto. L’omicidio del figlio del boss ha però scatenato una faida di tipo mafioso. E a farne le spese è stata proprio la famiglia del fratello di Aldo. Per Silas è stato disposto un programma di protezione mentre Gaetano De Marco rimase a San Lorenzo e la mattina del 7 aprile mentre si trovava nella sua auto si vide piovere addosso l’intero caricatore di una pistola. I killer avevano aggiunto un altro tassello alla loro scia di sangue. E' toccato all'unico superstite, Silas, farli finire in manette.

Nel frattempo, il 12 aprile scorso, anche un altro protagonista della vicenda, il capocosca Franco Presta era finito in manette dopo una lunga latitanza. Scarola e Scorza, secondo gli investigatori, sono legati alla cosca che fa capo a lui ed è collegata ai Lanzino di Cosenza. Ed in particolare, i due killer erano vicini proprio a Domenico, il giovane ucciso da Aldo De Marco in quel giorno del gennaio 2011 che rovinò per sempre due famiglie. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?