Salta al contenuto principale

La scure della giustizia sul narcotraffico
16 condanne per l'operazione "Panama"

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

REGGIO CALABRIA - Si è concluso con 16 condanne ed una assoluzione il processo, celebrato a Reggio Calabria, con rito abbreviato, scaturito dall’operazione denominata «Panama 2005», condotta nel giugno del 2011 dalla Guardia di Finanza nei confronti di una presunta organizzazione di stampo 'ndranghetistico responsabile di un’imponente traffico internazionale di sostanze stupefacenti provenienti dalla Colombia. Il gip Antonio Scortecci, accogliendo in parte le richieste della pubblica accusa rappresentata dal pm della Dda Roberto di Palma, ha condannato 16 persone, sentenziando una sola assoluzione. 

I condannati sono: Michele Ringo Albanese, di Rosarno, 18 anni e 60 mile euro di multa; Stefano Pertoni, Roma, 5 anni 4 mesi e 20 mila euro di multa; Giovanna Calciano, di Canosa di Puglia (Bari), 8 anni e 40 mila euro di multa; Rocco Careri, di Rizziconi, 9 anni 4 mesi e 40 mila euro di multa; Vincenzo Careri, di Rosarno, 18 anni 8 mesi e 40 amila euro di multa; Marco Facchineri, di Latina, 4 anni e 20 mila euro di multa; Giuseppe Laversa, di Peschiera del Garda (Verona), 7 anni e 4 mesi e 40 mila euro di multa: Antonio Maiuri, di Vibo Valentia, 8 anni e 40 mila euro di multa; Sebastiano Mangò, di Rosarno, 10 anni e 40 mila euro di multa; Francesco Marafioti, di Oppido Mamertina, 8 anni e 8 mesi e 40 mila euro di multa; Gaetano Maugeri, alias «Marco», di Granarolo dell’Emilia (Bologna), 7 anni e 4 mesi e 40 mila euro di multa; Agostino Napoli, di Sommacampagna (Verona), 8 anni e 8 mesi e 40 mila euro di multa; Erika Napoli, di Bussolengo (Verona), 8 anni e 8 mesi e 40 mila euro di multa; Francesco Reitano, residente a Rosarno, 8 anni e 8 mesi e 40 mila euro di multa; Francesco Urso, di Ceglie Massapica, 11 anni e 4 mesi e 60 mila euro di multa; Antonio Urso, originari di Ceglie Messapica, 11 anni e 4 mesi e 60 mila euro di multa. L’unico assolto è Marco Timpano. Altri due imputati, invece, hanno scelto di essere giudicati con il rito ordinario. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?