Salta al contenuto principale

Joppolo, cibo avariato in un ristorante
Scattano sequestro del locale e denuncia

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

VIBO VALENTIA – Gli agenti del comando stazione forestale di Spilinga, in provincia di Vibo Valentia, nell’ambito di controlli atti a garantire la sicurezza alimentare dei consumatori, hanno sequestrato un ingente quantitativo di alimenti congelati, rinvenuti all’interno di un noto ristorante ubicato nel comune di Joppolo. Il provvedimento, eseguito in collaborazione con l’Asp di Vibo Valentia, è scattato al termine di un’ ispezione igienico sanitaria, nel corso della quale sono stati controllati i locali adibiti a cucina, quelli adibiti a stoccaggio delle materie prime e le celle frigorifere del noto esercizio di ristorazione. 

Sono stati infatti rinvenuti circa 80 chili di carne mista (bianca e rossa) già sezionata, tra cui anche selvaggina, e circa 10 chili di formaggio a pasta filata triturato, conservati all’interno di buste anonime e stipati alla rinfusa all’interno di un banco frigorifero. La visita ispettiva ha evidenziato che la partita di alimenti rinvenuta, oltre ad essere priva di qualsiasi etichettatura da cui trarre le necessarie informazioni inerenti la tracciabilità alimentare, aveva subito un processo di congelamento non autorizzato e non rispondente agli standard di sicurezza. Il medico veterinario intervenuto ne ha certificato il cattivo stato di conservazione, giudicandoli assolutamente inidonei per il consumo. 

Gli agenti, di conseguenza, hanno eseguito il sequestro penale dell’intera merce, apponendo i sigilli al banco frigo che la conteneva. Il titolare del ristorante, F.D., del luogo, destinatario del provvedimento, cui è stata affidata la custodia giudiziaria di quanto sequestrato, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Vibo Valentia. I reati ipotizzati vanno dalla detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione, alla vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine. La magistratura di Vibo Valentia ha già convalidato il sequestro operato, iscrivendo il ristoratore nel registro degli indagati e disponendo l’immediata distruzione dei cibi sequestrati.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?