Salta al contenuto principale

Accusò un magistrato di essere colluso
Condannato un collaboratore di giustizia

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 32 secondi

REGGIO CALABRIA - Il tribunale di Reggio Calabria ha condannato a tre anni e sei mesi di reclusione, per diffamazione, calunnia e falsa testimonianza, il collaboratore di giustizia messinese Vincenzo Paratore, che aveva accusato - nelle aule dei tribunali di Catania e Messina – il magistrato Francesco Chillemi, sostituto procuratore generale a Catania e prima pm nella città dello Stretto, di essere affiliato alla cosca mafiosa di Nitto Santapaola, attraverso il legame con un omosessuale.   Il magistrato lo aveva querelato. Nella requisitoria l’accusa aveva richiesto la pena di cinque anni. Il collaboratore di giustizia è stato assistito da un difensore d’ufficio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?