Salta al contenuto principale

Arrestato Varacalli, il pentito in fuga da 43 giorni
Ha svelato i nomi dei 'ndranghetisti in Piemonte

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

TORINO - I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno arrestato il pentito Rocco Varacalli, figura chiave nell'inchiesta "Minotauro" contre le cosche della 'ndrangheta attive in Piemonte. L'uomo è stato rintracciato dopo quarantadue giorni di fuga. Era stato arrestato lo scorso gennaio, in Sardegna, per furto di rame, traffico di droga e per il presunto coinvolgimento nell'omicidio di Alberto Corona, un pastore alle sue dipendenze, trovato morto nel  febbraio 2009. L'operazione contro le cosche aveva portato all'individuazione di 450 affiliati alle 'ndrine calabresi, con intrecci tra mafia e politica svelati proprio dalle dichiarazioni di Varacalli. 

L'uomo era sparito la fine di agosto dalla Sardegna, dove si trovava agli arresti domiciliari. Mercoledì mattina i carabinieri lo hanno rintracciato in una villetta bifamiliare, sulla collina di Castellamonte, a casa dell'ex suocero, Antonio Staltari, anche lui agli arresti domiciliari, ma l'unico su cui il pentito poteva ancora contare.

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?