Salta al contenuto principale

Truffa all'Inps, consigliere provinciale irreperibile
E spunta l'ombra di una talpa negli apparati statali

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 19 secondi

 

CORIGLIANO – E’ancora irreperibile Antonio Caravetta, il 40enne ex Udc, ex consigliere comunale di Corigliano (comune sciolto per mafia) ed attuale consigliere provinciale di Cosenza per il quale sono stati disposti i domiciliari è caduto nella morsa della giustizia nell'operazione “Senza terre” focalizzata su una truffa all'Inps da 11 milioni e un  mercato di compravendita  di voti e di giornate lavorative con la compiacenza trasversale di più soggetti chiamati in causa. 

Caravetta è accusato di aver offerto contributi per false giornate lavorative in cambio di voti. E ora si troverebbe all’estero per un viaggio programmato della durata di nove giorni. E spunta l'ombra di una talpa negli apparati dello Stato. Caravetta infatti nel dicembre del 2011 fu capace di rinvenire una microspia ben nascosta nella sua auto e pochi mesi prima, a maggio del 2011 in consiglio comunale chiese le dimissioni  all’allora sindaco Pasqualina Straface (tra i due fu rottura dei rapporti politici) anticipando eventi che poi si verificarono: «Lei ha lanciato una sfida allo Stato e alla magistratura nel restare al suo posto – disse Caravetta rivolgendosi all’allora primo cittadino – Qualcuno in questa città da qui a breve perderà il sorriso, perché questa città è attenzionata, c’è l’occhio magico puntato. Lei i giorni ce li ha contati».

Tutti fatti realmente accaduti. Ai quali si somma la sua irreperibilità per un viaggio programmato proprio per questi giorni.

 

IL SERVIZIO COMPLETO SULL'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?