Salta al contenuto principale

Catturato dai carabinieri il latitante
di 'ndrangheta Santo Procopio

Calabria

Tempo di lettura: 
4 minuti 0 secondi

CATANZARO - A 27 anni ha alle spalle una lunga carriera criminale, ma anche tanta fortuna. Capace di sfuggire a due agguati grazie anche alle sue abilità. Nel primo caso, i colpi di fucile calibro 12, esplosi mentre si trovava a bordo del suo fuoristrada, lo hanno solo ferito mentre lui si è piegato per sfuggire al fuoco dei killer; nel secondo indossava un giubbotto antiproiettile, nella consapevolezza che in tanti provavano a farlo fuori. Questo è Santo Procopio, 27 anni,  il latitante individuato in un casolare di famiglia, in una zona montana e impervia del comune di Badolato, bloccato prima che tentasse la fuga. Sono stati i carabinieri di Guardavalle e della Compagnia di Soverato, con il contributo dello squadrone eliportato dei cacciatori a porre fine ad un anno di latitanza.   Procopio era ricercato per un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip distrettuale su richiesta della Dda di Catanzaro per associazione mafiosa, oltre ad essere sfuggito lo scorso anno al provvedimento di fermo nell'ambito dell'operazione "Show down" contro le cosche del soveratese. L’uomo era in compagnia di due cugini e del fidanzato della sorella, D.C., di 23 anni, che è stato denunciato per favoreggiamento.  

All’individuazione del nascondiglio di Procopio, hanno spiegato il comandante del reparto operativo del Comando provinciale dei carabinieri Giorgio Naselli ed il comandante della Compagnia di Soverato Emanuele Leuzzi, grazie ad un costante lavoro di controllo dei familiari del latitante, con uno stretto lavoro di controlli e intelligence.  Procopio, ritenuto legato alla cosca Sia-Procopio-Tripodi di Soverato, nel 2010 è stato vittima di due agguati. Il primo è stato compiuto il 26 gennaio nella frazione Elce della vecchia di Guardavalle. Nel secondo agguato, a Brognaturo, Procopio, che rimase gravemente ferito, si salvò perchè indossava un giubbotto antiproiettile. Nello stesso agguato fu ucciso Salvatore Vallelunga, fratello di Damiano, ritenuto il boss della cosca dei «viperari», assassinato il 27 settembre del 2009 a Riace, davanti al Santuario dei Santi medici Cosma e Damiano, dove era in corso la festa patronale del paese.   

 

LE INDAGINI. E' servito un anno di indagini, fatte soprattutto di appostamenti e lavoro di intelligence, per assicurare alla giustizia Giuseppe Santo Procopio, 27 anni, latitante dallo scorso anno e considerato elemento di spicco dell’omonima cosca alleata con i Sia e i Tripodi di Soverato. Un giovane considerato «elemento molto pericoloso», hanno evidenziato gli inquirenti nel corso della conferenza stampa che si è svolta a Catanzaro, al punto da essere bersaglio di due tentati omicidi a distanza di sei mesi. 

Per scovarlo nell’ovile situato nelle campagne di Badolato, a cavallo tra i territori di Badolato, Guardavalle, Isca sullo Jonio e Santa Caterina, ed a pochi chilometri dal vibonese, i carabinieri hanno dovuto camminare per due giorni, a piedi, tra i boschi, dal momento che la zona non era raggiungibile in altri modi senza essere scoperti. Per questo, anche il tentativo di fuga di Procopio, alla vista dei militari è stato inutile, dal momento che la zona era stata cinturata dopo che i carabinieri avevano notato la sua presenza nell’ovile attraverso una finestra. «Devo ringraziare i Cacciatori e i ragazzi dell’Arma di Guardavalle - ha detto il tenente colonnello Giorgio Naselli, comandante del Reparto operativo provinciale – perchè la cattura di Procopio significa che non lasciamo il territorio dopo gli ottimi risultati delle operazioni, ma vogliamo completare il nostro lavoro. Lavorare nelle zone come quella di Guardavalle non è facile, perchè i carabinieri sono spesso visti come avulsi al territorio». 

A delineare il profilo del ventisettenne sono stati il procuratore capo Vincenzo Antonio Lombardo e il capitano Emanuele Leuzzi, comandante della Compagnia di Soverato, che hanno ricordato i legami molti stretti di Procopio con Salvatore Vallelonga, fratello di Damiano, ritenuto il boss di Serra San Bruno (Vibo Valentia) e ucciso nel 2009. Rapporti così stretti che Salvatore Vallelonga e Giuseppe Santo Procopio furono vittime di un agguato mentre si trovavano insieme nei boschi a cavallo tra le due province; il primo venne ucciso, il secondo si salvò perchè indossava un giubbino antiproiettile, rinvenuto successivamente dai Carabinieri durante una perquisizione. «Procopio venne curato a Reggio Calabria – ha spiegato il capitano Leuzzi – quindi decise di allontanarsi, raggiungendo alcuni parenti al nord, perchè sapeva che rischiava di essere ucciso. Per questo era già irreperibile quando fu colpito dal fermo per l’operazione 'Show down' contro le cosche Sia-Procopio-Tripodi». A 27 anni, dunque, Procopio era un punto di riferimento nella criminalità organizzata del Soveratese, «considerato una spina nel fianco per i Gallace – ha concluso il capitano Leuzzi – dal momento che il giovane viveva nella loro terra, a Guardavalle, considerata la loro roccaforte». 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?