Salta al contenuto principale

San Calogero, scoperta cava abusiva
Denunciate dalla Forestale due persone

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

SAN CALOGERO (VV) - Avevano avviato un vero e proprio sfruttamento illegale di un terreno, trasformandolo in una cava abusiva per l’estrazione di materiale calcareo. Si tratta di due persone, già note alle forze dell’ordine, denunciate: C.N., 56enne imprenditore edile, e C.S. di 28, entrambi originari di San Calogero (VV), autori dello sfruttamento abusivo di un’area di circa 7.000 mq in località Fondo Rotondello di Filandari (VV), dalla quale veniva estratto abusivamente materiale calcareo. L’attività investigativa è stata originata da una segnalazione pervenuta alla sala operativa regionale del CFS, tramite il numero di emergenza ambientale 1515. Nel corso delle operazioni, gli agenti del Comando Stazione Forestale di Spilinga (VV) hanno monitorato per circa dieci giorni quanto stava accadendo nella località, documentando un sistematico via vai di mezzi meccanici intenti nelle opere di escavazione. Dopo una serie di riscontri documentali che hanno evidenziato l’illegittimità delle opere, il personale forestale ha deciso di intervenire. Sono così finiti sotto sequestro un grosso autocarro ed un escavatore cingolato, adoperati per la commissione del reato, nonchè il fondo di natura agricola di circa 7000 metri quadrati dal quale veniva sottratto indebitamente l’ingente quantitativo di materiale inerte, impiegato per la produzione di miscele cementizie. I successivi rilievi del Corpo Forestale, eseguiti con l’ausilio di strumentazione GPS e la consultazione di aerofotogrammetrie del luogo, hanno sottolineato come l’attività delittuosa, posta in essere dagli indagati, abbia comportato una significativa e permanente modificazione dello stato dei luoghi, creando una vistosa depressione del suolo con alterazione della morfologia e dell’assetto territoriale. L’estrazione abusiva ha interessato una parete rocciosa, creando un fronte di lunghezza pari a 40 metri lineari per una larghezza di 25 metri lineari ed altezza media di circa 5 metri. Le prime stime, basate anche sul raffronto tra le ortofoto degli anni trascorsi e la situazione di fatto, parlano di oltre 5000 metri cubi di materiale calcareo trafugato illecitamente, con profitti per svariate migliaia di euro. I destinatari del provvedimento di sequestro, a cui è stata peraltro affidata la custodia giudiziaria dei beni, sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Vibo Valentia in ordine al reato di abusivismo edilizio in concorso. Il fascicolo relativo agli atti d’indagine è ora in mano alla Magistratura di Vibo Valentia che ha già convalidato il sequestro eseguito dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato, iscrivendo i due soggetti nel registro degli indagati.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?