Salta al contenuto principale

Premi di produzione "generosi" all'Asp di Catanzaro
Guardia di finanza rileva danno erariale da 7 milioni

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

CATANZARO – Il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Catanzaro ha accertato un danno erariale pari a 7.120.842,57 euro ed ha denunciato alla procura regionale della Corte dei Conti due dirigenti ai vertici dell’azienda sanitaria provinciale del capoluogo calabrese. L'irregolarità accertata dai finanzieri, nell’ambito dell’operazione denominata «Pluvia», sarebbe stata causata dalle illecite modalità con cui l’Asp di Catanzaro, dal 2008 al 2010, ha attribuito al personale dipendente cospicue indennità in denaro a titolo di «premi di produzione».

I vertici dell’azienda sanitaria catanzarese, disattendendo la normativa, avrebbero effettuato ripartizioni «a pioggia» delle indennità di produzione, le quali, quindi, sono state distribuite a tutto il personale, senza alcun concreto riferimento ai meriti dei singoli dipendenti. Le Fiamme Gialle, in particolare, avrebbero accertato che, dal 2008 al 2010, l’organismo – obbligatorio per legge – che sarebbe dovuto essere preposto alla verifica dell’effettivo conseguimento degli obiettivi (consistente nel «nucleo aziendale valutazione strategica») non è stato istituito. Inoltre, per le annualità 2008 e 2010, non si era provveduto neppure a preindividuare gli obiettivi da conseguire, violando, anche in questo caso, normative inderogabili. «In tale contesto, del tutto singolare – secondo gli inquirenti – è stata la constatazione che, nelle annualità antecedenti al 2008, dette normative, concernenti le indennità in argomento, erano state correttamente applicate e che nel 2008, in conseguenza della "fusione" di precedenti aziende sanitarie locali – finalizzata a rendere teoricamente più efficiente l’attività di gestione – sia iniziata l'illegittima ripartizione "a pioggia" delle premialità per il personale». 

Ma ancora più singolare, secondo i finanzieri, è stata l’ulteriore constatazione che, proprio nel periodo in cui la Guardia di Finanza effettuava le prime acquisizioni documentali, le indennità riferite all’annualità 2010, ancora in corso di distribuzione nel 2012 e basate sulle stesse procedure errate degli anni 2008 e 2009, sono state immediatamente rettificate dalla stessa Asp, con diversi provvedimenti correttivi e di revoca dei benefici già accordati. Gli accertamenti esperiti hanno comunque permesso di accertare, per le annualità 2008 e 2009, un danno all’erario ammontante complessivamente a 7.120.842,57 euro, corrispondente alle indennità di retribuzione di risultato e di produttività illegittimamente erogate dall’Asp di Catanzaro al personale attraverso il meccanismo della ripartizione «a pioggia». Le conseguenti responsabilità di natura amministrativa sono state ascritte a due dirigenti apicali dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro i quali, con le loro condotte «connotate – secondo gli inquirenti – da gravi negligenze e colpose omissioni di doverosi adempimenti, si sono resi responsabili del danno erariale». la loro posizione, e segnalata in una dettagliata informativa già depositata all’autorità contabile, è ora al vaglio del Procuratore regionale della Corte dei Conti per la Calabria, Cristina Astraldi. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?