Salta al contenuto principale

Sequestrata azienda di Sanremo
considerata vicina al clan Gallico

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

SANREMO - Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Genova ha sequestrato un’azienda di Sanremo (Imperia) di 'movimento terra', gestita da una società riconducibile alla cosca di 'ndrangheta Gallico di Palmi. In esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale di Reggio Calabria, su proposta della Direzione distrettuale antimafia reggina, sono stati sequestrati anche 4 automezzi e i conti correnti di un socio e del gestore dell’impresa. La società, nata a Sanremo nel 2006 tra l’ottobre del 2009 e il maggio 2010 ha operato in subappalto nel cantiere per l’Aurelia bis ad Arma di Taggia (Imperia). Accertamenti sulle imprese impegnate nell’opera hanno portato alla luce che un socio calabrese dell’azienda, indagata da varie procure per traffico di droga. L’azienda lavorava per importi contrattuali al di sotto del limite previsto dalla legge che fa scattare l’obbligo di munirsi del certificato antimafia. In tre anni aveva compiuto comunque lavori per 900 mila euro. L’impresa aveva partecipato anche alla realizzazione del raddoppio della tratta ferroviaria Andora-San Lorenzo al Mare (Imperia), percependo 340 mila euro. Proprio controllando questo appalto, il prefetto d’Imperia, nel 2010, aveva emesso una interdittiva per la società ritenendo che avesse contiguità con la criminalità organizzata. Il Gico di Genova aveva compiuto accertamenti patrimoniali sul socio ritenuto appartenente alla 'ndrangheta e la Procura di Reggio Calabria, indagando su un altro filone, aveva fatto arrestare il socio e la madre, accusati di tentata estorsione aggravata da metodi mafiosi. Successivi sviluppi hanno portato ai sequestri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?