Salta al contenuto principale

«Riaprite quel carcere»: anche Dario Fo lancia
un appello per la struttura modello di Laureana

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 58 secondi

VIBO VALENTIA - «Signor ministro riapra quel carcere». L'appello a riaprire il penitenziario di Laureana di Borrello arriva anche dal Premio Nobel, Dario Fo. La struttura modello intitolata al magistrato calabrese Luigi Daga, dove si privilegiavano i rapporti personali e le attività trattamentali puntavano ad offrire ai detenuti un’opportunità di riscatto venne aperta nel 2004. Fu l’allora ministro della Giustizia Roberto Castelli a inaugurarlo rmostrandosi impressionato per la sfida che l’allora provveditore Paolino Quattrone intendeva lanciare alla ndrangheta. 

Poi  ad un altro ministro della Giustizia Angelino Alfano  era  toccato il compito di riconoscere che quell’idea di far sottoscrivere ai giovani detenuti condannati per la prima volta  un patto che li impegna in un percorso di rieducazione era  stata vinta.  Non più un carcere inteso come università del crimine, ma un luogo dove la pena viene vissuta come un’opportunità. A distanza di quasi otto anni dalla sua apertura il 29 settembre scorso il carcere venne chiuso “temporaneamente” dal Dap  con la motivazione di utilizzare i 23 agenti in servizio a Laureana per il trasferimento dei detenuti nei maxi processi alla’ndrangheta. 

Diverse voci si sono levate in difesa della struttura. E ora ad esse si aggiunge quella di Dario Fo, coinvolto da un'educatrice vibonese, la signora Anna Faga, che indirizza la sua opera di docente principalmente verso i meno abbienti, cittadini spesso dimenticati e che la società mette ai margini. Bisognosi, extracomunitari, altri immigrati per i quali la lingua italiana è il primo e principale strumento d'inserimento nel nostro paese. Col suo entusiasmo è riuscita a fare breccia nei detenuti del penitenziario di Vibo, dove ha portato in scena tra gli altri il grande Eduardo. Il suo “laboratorio teatrale”, l'ha poi trasferito nel piccolo carcere di Laureana di Borrello. 

«La chiusura di quel carcere - afferma - mi ha molto colpita perché oltre ad essere un istituto modello avevo potuto apprezzare con quale animo, con quale entusiasmo i ragazzi mi seguivano». Lei ha appena concluso il corso di teatro diretto da Franca Rame, Jacopo e Dario Fo, tenuto dall'Università di Alcatraz a Santa Cristina di Gubbio. L'occasione era troppo importante perché Anna Faga non informasse del suo rammarico per la chiusura del carcere reggino ai numerosi artisti partecipanti al corso. E su input di Dario Fo e Franca Rame, ha pertanto inviato una lettera al ministro della Giustizia Paola Severino, sottoscritta da tutti i corsisti, una cinquantina. Primi firmatari Fo e la moglie. «Far andare via Domenico, Sergio, Lorenzo, Davide… tutti, dalla casa di reclusione di Laureana di Borrello - scrive al ministro Anna Faga  -, un sabato mattina, all'improvviso e smontare e portare via la loro cucina, come se uomini e cose avessero lo stesso destino, è stato davvero un atto doloroso! Domenico e tutti gli altri sono andati via piangendo, perché lasciavano quello che avevano imparato ad amare: il lavoro, nei laboratori di falegnameria, di ceramica, le api e il miele, il giardinaggio e il teatro dove si sperimentava la meraviglia di sentirsi creativi e protagonisti nella condivisione di un progetto che prevede anche la presentazione al pubblico dello spettacolo finale, cresciuti e fattosi bello perché tutti si sono impegnati al massimo, ascoltandosi l'un l'altro. Sono stati mandati via da un posto dove la certezza della pena stava parallela alla certezza d'interagire in situazioni di umanità ed in spazi vitali dignitosi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?