Salta al contenuto principale

A Catanzaro la rivolta del pane
I fornai provlamano l'agitazione

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

CATANZARO - I panificatori catanzaresi dichiarano lo stato di agitazione e dicono basta all’abusivismo dei venditori ambulanti senza licenza che operano in città ormai da tempo. Le denunce finora fatte non sono bastate a contrastare il fenomeno, ma il consiglio drettivo, che rappresenta oltre 300 soci di Assipan, è ormai determinato a non soprassedere ulteriormente. «Combatteremo la concorrenza sleale – dicono - con denunce continue all’Asp e alle Forze dell’Ordine se i nostri “colleghi” non si metteranno in regola». «Facendosi beffa di noi, vendono la loro merce anche davanti ai nostri negozi, utilizzando le proprie automobili o motocarri come strutture di vendita. Nonostante l’esposizione alla smog ed un incartamento non igienico, i cittadini sono invogliati all’acquisto perché il prezzo del  pane è minore rispetto al mercato. Anche noi potremmo metterci allo stesso livello, ma non lo facciamo perché la nostra professionalità ce lo impedisce. Vogliamo far capire ai cittadini che non possiamo abbassare il prezzo del pane ad un euro al kg perché dobbiamo sostenere le spese di gestione dei negozi e, soprattutto, rispettiamo la legge: paghiamo le tasse, la luce, l’acqua, i corsi di aggiornamento (igienico-sanitario e sicurezza sul posto di lavoro) e gli stipendi ai nostri dipendenti ai quali vanno aggiunti gli Oneri contributivi, l’assicurazione Inail ed l’incidenza Irap sul costo del lavoro».

«Oltre alle normative fiscali, abbiamo l’obbligo di rispettare anche importanti norme igienico-sanitarie e siamo soggetti a controllo in qualsiasi momento. Allora ci siamo chiesti: è sbagliato rispettare la legge? Essere un panificatore conosciuto al Fisco ed agli organi di controllo può diventare una beffa?No! Siamo convinti che sia giusto continuare sulla strada della legalità perché si incrementa l’economia, si danno posti di lavoro e si tutela la salute dei cittadini. Ma per farlo è necessario il sostegno di tutti: Asp, Forze dell’Ordine, Istituzioni e cittadini per una rivoluzione culturale che possa investire tutti i settori. Solo  in questo modo garantiremo il futuro non solo delle aziende, ma della città stessa che, a giorni alterni, assiste all’apertura e alla chiusura di esercizi commerciali che scegliendo la legalità sono rimasti schiacciati dal peso di una concorrenza illegale». Nei prossimi giorni i panificatori incontreranno il direttore  dell’Unità operativa Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’Asp di Catanzaro, Francesco Faragò.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?