Salta al contenuto principale

Nuova luce su un caso di lupara bianca
Emessi 12 avvisi di garanzia a Lamezia

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

LAMEZIA TERME – Dal 26 agosto 2010 non si sono avute più notizie di Antonio Lucente, 39 anni all’epoca della sua scomparsa, sparito nel nulla da Soveria Mannelli. Le indagini su quello che è stato considerato un caso di lupara bianca, ora, dopo oltre due anni, potrebbero essere giunti ad una svolta. I carabinieri di Soveria Mannelli hanno infatti notificato 12 avvisi di garanzia per favoreggiamento personale, violazione della legge sulle armi, detenzione di droga ai fini di spaccio e rapina aggravata. In, particolare, a 3 dei 12 indagati, Salvatore Mingoia, 47 anni di Decollatura, Renato Burgo 36 anni di Decollatura, e Antonio De Fazio 28 anni di Soveria Mannelli, viene contestato il reato di favoreggiamento personale. I tre infatti avrebbero fornito versioni diverse e contrastanti fra loro, anche rispetto a quanto sarebbe emerso dalle indagini sulla sparizione di Lucente. Per gli altri 9 indagati, Maria Giovanna Bossio, Gaetano, De Fazio, Caterina Cerra, Antonella Morello, Salvatore Bonacci, Gaetano Lucente, tutti di Soveria Mannelli, e Antonio Scalzo di Bianchi (CS), Marcello Perri di Decollatura e Antonio Rocca di Lamezia Terme, le ipotesi vanno dalla detenzione e porto illegale di pistola e relativo munizionamento in luogo pubblico, rapina aggravata in abitazione commessa ai danni di un residente di Gizzeria Lido e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti quali marijuana, hashish e eroina. Le indagini dei militari dell’Arma proseguono e sono ora rivolte a chiarire meglio le responsabilità dei tre indagati per favoreggiamento personale allo scopo di individuare chi c’è dietro il caso di “lupara bianca” di cui è rimasto vittima Lucente nell’estate del 2010. Gli investigatori infatti imboccarono subito la pista della lupara bianca per via del passato di Lucente, che in alcune occasioni era stato testimone di giustizia quando le sue dichiarazioni bastarono per far arrestare alcune esponenti della criminalità dell'area del Reventino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?