Salta al contenuto principale

«A mio figlio malato negata l'iscrizione a scuola»
La denuncia della madre: «Ha la fibrosi cistica»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

 MONTEPAONE - Un fatto incredibile, alla vigilia del Santo Natale, che scuote le coscienze della società civile. A un bambino di cinque anni, residente a Montepaone, viene negata la iscrizione alla scuola dell'infanzia “Suor Salvatorina Casadonte”, un fatto che ha dell'incredibile. Un mamma residente a Montepaone, dopo avere passato i primi cinque anni in compagnia del suo piccolo affetto da fibrosi cistica, ha deciso di iscriverlo alla scuola dell'infanzia. Per fare sì che il piccolo, purtroppo colpito da una malattia invalidante, potesse frequentare altri bimbi della sua età in un ambiente che non fosse casa sua o l'ospedale di Soverato, dove il piccolo è costretto a fare cure estenuanti. Un rifiuto che la mamma del bambino non ha accettato. Anche perchè le è stato risposto in modo molto evasivo, «che il bambino stante questa malattia non poteva frequentare la scuola e stare a contatto con altri bambini». «Invece - dice la mamma -è mio figlio che deve stare attento ai più piccoli raffreddori dei suoi futuri compagni di classe, perché la fibrosi cistica non è una malattia contagiosa, ma al contrario è il bambino il soggetto fragile di qualsiasi malattia che possa attaccare il suo sistema respiratorio». 

Alle rimostranze della mamma, la signora è stata invitata ad uscire, levando così il suo «scomodo disturbo altrove». Su questa grave forma di presa di posizione, il primario del reparto Pediatrico dell'ospedale civile di Soverato, Ettore Provenzano prende subito posizioni contro chi ha impedito che questo piccolo potesse andare regolarmente a scuola. «In merito a quanto da lei riferito - queste le parole di Provenzano - circa il grave episodio di discriminazione, attuato dalla dirigente scolastica di Montepaone, nei confronti del bimbo affetto da fibrosi cistica, la informo che tale atteggiamento sia dal punto di vista medico sia dal punto di vista giuridico non trova alcuna giustificazione se non nella completa ignoranza delle gravi problematiche di cui la famiglia del piccolo paziente -continua il primario di Pediatria - deve farsi carico e della assoluta mancanza di sensibilità nell'affrontare una situazione che meriterebbe, da parte della Dirigenza, momenti di approfondimento indispensabili a non aumentare il disagio - conclude il primario di pediatria Ettore Provenzano - di famiglie già duramente colpite». Di questa grave mancanza di sensibilità ai confini del reato di mancata iscrizione alla scuola, è stato informato il settore dei Servizi sociali del comune di Montepaone che non potrà non prendere in considerazione questa grave forma di discriminazione nei confronti non solo di un bambino ammalato ma di tutta la famiglia. E il comune di Montepaone messo a conoscenza della grave situazione che si è venuta a creare, per voce dell'assessore ai Servizi sociali Tina Montillo ha dichiarato che si metterà subito in moto per risolvere questo grave problema.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?