Salta al contenuto principale

Spedizione punitiva da Rosarno a Sellia Marina
Acquisto di un terreno finisce in lite, 4 arresti

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

SELLIA MARINA (Catanzaro) - Hanno organizzato una spedizione punitiva partendo da Rosarno e raggiungendo Sellia Marina, dove hanno aggredito e malmenato un imprenditore. Per questo, tre persone sono state arrestate dai carabinieri della Compagnia di Sellia Marina con l’accusa di sequestro di persona e lesioni personali aggravate. Subito dopo i militari dell’Arma hanno arrestato anche la vittima dell’aggressione, trovato in possesso di un fucile a pompa calibro 12 illegale.
Protagonisti della vicenda sono stati Luciano Aurelio Italiano, 51 anni, commerciante agricolo, e i figli Girolamo Italiano, 21 anni, studente universitario, e Vittorio Italiano, 24 anni, studente universitario e imprenditore, tutti residenti a Rosarno (Reggio Calabria). Una quarta persona, che aveva accompagnato i tre, è stata denunciata per gli stessi reati.
L’imprenditore di Sellia Marina finito in manette è Angelo Larosa, 54 anni. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, diretti dal capitano Giovanni De Nuzzo, l’aggressione sarebbe maturata in seguito alla compravendita di un fondo agricolo che non sarebbe avvenuta in maniera regolare e per la quale il gruppo reggino avrebbe avuto da ridire con il catanzarese. Per questo il gruppo è partito da Rosarno e ha aggredito l’uomo, provocandogli un trauma cranico e ferite giudicate guaribili in 15 giorni. La vittima è stata rinchiusa in un capannone e picchiato con una spranga. L’uomo, però, è riuscito a chiedere aiuto alla compagna attraverso una telefonata e la donna ha avvertito i militari giunti sul posto proprio durante l’aggressione nello stabilimento di località Camarda di Sellia Marina. Nelle successive verifiche è stato rinvenuto il fucile di provenienza clandestina insieme a 42 cartucce calibro 12. Per questo Larosa è stato dichiarato in arresto per detenzione abusiva di armi e munizioni che sono state poste sotto sequestro e inviate al Racis per gli opportuni controlli.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?