Salta al contenuto principale

Reggio, detenuto tenta suicidio in cella
Lo salva una guardia penitenziaria

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

REGGIO CALABRIA – Un detenuto di 50 anni ha tentato il suicidio impiccandosi alle grate della finestra del carcere. È accaduto ieri pomeriggio, nel penitenziario di Reggio Calabria. A dare notizia stamane dell’episodio sono Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale. L’uomo, di nazionalità italiana, era solo in cella ed era rientrato da poco dalla comunità terapeutica esterna ed era in carcere per reati legati alla droga ed altro.

Solo grazie al pronto intervento dell’agente della polizia penitenziaria in servizio nella sezione detentiva – comnuinica il Sappe - è stato evitato il peggio». A Reggio Calabria, secondo quanto rende noto il sindacato, sono ristretti 350 detenuti e ci sono 149 agenti molti dei quali sono però impiegati in altri istituti. Alcuni sono distaccati da oltre 10 anni a Sant'Angelo dei Lombardi, in Campania, «e non si comprende il motivo – dice il sappe – per cui il Dipartimento non li fa rientrare a nella propria sede».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?