Salta al contenuto principale

Vuole rivedere la figlia disabile a Torino
Comune del vibonese pronto a pagare le spese

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

FILADELFIA (Vibo Valentia) - L'Amministrazione comunale di Filadelfia è pronta a farsi carico delle spese di viaggio e di soggiorno in Piemonte di Teresa Bazzacco, la cinquantenne di origini lombarde ma che vive a Filadelfia, qualora venisse accolta la sua richiesta di rivedere la figlia Viviana, una ragazza diversamente abile ospitata in una comunità di Ciriè (Torino) che non vede da circa 16 anni. Lo ha reso noto il sindaco Maurizio De Nisi.
«La commovente vicenda umana della signora Teresa Bazzacco, ammalata di diabete e purtroppo ormai prossima alla cecità – ha sostenuto De Nisi - è di quelle che non possono lasciare indifferente nessuno. L’amministrazione da me guidata è affettuosamente vicina a Teresa Bazzacco, della quale condivide in pieno la battaglia per ottenere un suo diritto: quello di vedere almeno una volta, e con tutte le cautele che dovessero rendersi necessarie, la propria figliola prima che il diabete finisca per toglierle completamente la vista. Mi sembra doveroso ricordare un particolare: vari anni fa, dopo che la sfortunata ragazza fu sottratta a lei e al padre (di origini filadelfiesi e deceduto vari anni or sono) per decisione delle competenti autorità torinesi, la coppia decise di stabilirsi nella nostra cittadina. Qui essi trovarono piena comprensione e ospitalità da parte dell’amministrazione comunale dell’epoca che, non avendo essi nemmeno un tetto per dormire, trovò loro in maniera totalmente gratuita una prima sistemazione. Questo per ribadire, una volta di più, il grande senso di umanità della comunità filadelfiese e la sua ospitalità verso le persone più sfortunate e disagiate».
«Nell’esprimere dunque alla signora Teresa, a nome mio personale, dell’amministrazione comunale e dell’intera comunità di Filadelfia, la massima solidarietà – ha concluso De Nisi - auspico che le competenti autorità giudiziarie e sanitarie del capoluogo piemontese accolgano sollecitamente il suo disperato appello. A lei assicuriamo anche il nostro pieno e concreto sostegno. In tale ottica, qualora come tutti ci auguriamo la sua richiesta venisse accolta, questa amministrazione si farà totalmente carico dei costi che lei dovrà affrontare per il viaggio e il soggiorno in Piemonte. Un piccolo ma doveroso gesto di concreta solidarietà nei confronti di chi, come Teresa Bazzacco, sta chiedendo solamente, con tanta dignità e determinazione, di rivedere una figlia dalla quale è lontana ormai da tanti, troppi anni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?