Salta al contenuto principale

Attesi i giorni più freddi dell'inverno: neve in pianura
E il vento fa già danni: interrotta la linea ferrata jonica

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi

SARANNO i giorni più freddi dell'inverno, assicurano i metereologi. Nubifragi invernali che si stanno abbattendo con estrema violenza al Sud e avvolgono anche la Calabria, dove tormente di neve imbiancano la Sila. Sono gli effetti di "Morgana", un tipico ciclone mediterraneo alimentato dall’aria fredda polare spinta dall’Orso Siberiano, un enorme serbatoio di aria gelida presente sulla Russia in questo periodo dell’anno.

LA SITUAZIONE. Neve sui rilievi in Sila, Pollino e Aspromonte ma anche pioggia battente, vento e grandine, con forti scariche in gran parte della Calabria. A Catanzaro, dove ha anche grandinato, e nella provincia le forti precipitazioni hanno provocato allagamenti, con l’intervento dei vigili del fuoco e disagi alla circolazione stradale. Precipitazioni intense anche in provincia di Reggio, nella zona di Gioia Tauro, e nell’area jonica, tra le province di Crotone e Cosenza.

NEVE IN PIANURA - Giovedì e venerdì è attesa la fase più intensa di maltempo per l’arrivo repentino di un impulso polare che scenderà verso il Mediterraneo rinvigorendo il maltempo al centro-sud e isole maggiori. La neve cadrà prima al nordest, più abbondante sull''Emilia e Veneto, poi anche al centro tra Umbria e Marche, fino a 20 centimetri, e zone interne toscane, ma anche sul Lazio, tanto che nelle prime ore di venerdì farà la sua comparsa anche a Roma nord (1 centimetro), mentre sarà più copiosa sul reatino. La neve cadrà al sud specie sulla Calabria. E stavolta si attendono fiocchi anche ad appena 100 metri di quota.

DANNI ALLA LINEA FERROVIARIA - Intanto già si registrano danni. Il treno regionale 3737 partito alle 6.05 da Catanzaro Lido per Reggio Calabria, è stato investito questa mattina, poco prima delle 8.30, da una lamiera portata da forti raffiche di vento sui binari tra Melito di Porto Salvo e Saline di Reggio. L’urto, che, secondo quanto comunica Rfi non ha avuto conseguenze per le persone a bordo, ha causato danni alla condotta pneumatica dell’impianto di frenatura del treno, interrompendone il regolare proseguimento.

Il convoglio è tornato nella stazione di Melito Porto di Salvo ()Rc), da dove era partito qualche minuto prima, per consentire ai passeggeri di salire sul successivo treno e continuare il viaggio. Dalle 9.30 il maltempo che imperversa in regione sta causando, in seguito a violente scariche atmosferiche, il malfunzionamento dei sistemi di controllo della circolazione sulla linea Catanzaro Lido - Crotone, con rallentamenti del traffico ferroviario e ritardi fra 30 e 60 minuti. Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana sono all’opera per gli interventi necessari a ripristinare il regolare funzionamento degli apparati di linea.

Redazione web

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?